Surgical Beat Bros – Black

Surgical Beat Bros – 'Black' (2016)

Due musicisti dal variegato background e pronti a osare. Un album di difficile collocazione, se non inedito sul mercato. Il duo Surgical Beat Bros e “Black” (2016), forza e follia. Decostruire l’elettronica un’operazione complessa. Chi si avvicina a un genere dai multiformi connotati è consapevole in partenza di introiettarne uno o più approcci ormai stereotipati. Chi si avvicina all’opera pubblicata dalla Subsound Records è bene che apra le orecchie. Il nuovo lavoro di FabioReeksRecchia e Antonio Zitarelli parte da un doppio presupposto. Innanzitutto, non esistono particolari regole da rispettare.

Sintetizzatori e batteria sono ampiamente sufficienti per alterare gli stati di coscienza dell’ascoltatore. Dopodiché, “Black” è diviso in due parti, con le prime tre tracce calibrate sui centoventicinque battiti al minuto e le seconde tre sui cento. La radice quadrata e una cifra gli altri elementi per distinguerle nell’arco di trentasei minuti. È buona norma diffidare delle apparenze e, allo stesso tempo, avere una certa pazienza. La timida partenza di √ 1 desta qualche dubbio, ma è solo questione di attimi. Quando la batteria entra nel vivo, c’è solo stupirsi per l’onda d’urto scatenata con pochi colpi.

Le altre apparecchiature elettroniche concorrono a ispessire il ritmo. Le due sezioni viaggiano sullo stesso binario, ordinate nel loro caos, per poi confluire con sorprendente grazia e senza alcuno stacco in √ 4. Una traccia più ragionata, direttamente connessa alla precedente, ma dall’andatura meno scomposta e, soprattutto, profonda. Il mood obliquo mutuato dal ricorso a vacui sample, ideali per concorrere alla progressiva amplificazione di un flusso sonoro sempre più possente. Un vortice destinato, però, a esaurirsi. Le percussioni implodono. L’atmosfera diviene quasi rarefatta.

Tanto curiosa quanto cinematografica √ 9: il crescendo iniziale assume presto connotati ai limiti della tossicità. L’acida √ 16 segue un’andatura diversa, finanche giocosa, segnata dalla diminuzione di battiti per minuto. Oltre il profluvio di bolle elettroniche, prima un’accelerazione inattesa, poi il ritorno al solito pattern, su cui s’inserisce √ 25, l’episodio più introverso all’interno di “Black”. Anche il conclusivo √ 36 è scia al precedente. Il continuo fraseggio tra analogico e digitale assume toni scontrosi. All’improvviso, il silenzio. Un buon modo per non stabilire vincitori o perdenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.