STL – Silent State

STL – 'Silent State' (2009)

Stephan Laubner, meglio noto come STL, è uno dei produttori più prolifici in circolazione, con release a raffica sulla propria etichetta Something, spesso firmate con lo pseudonimo Lunatik Sound System. “Silent State” (2009), pubblicato dalla Smallville Records, prova a sintetizzare alcuni suoni ricorrenti nel campionario dell’artista.

La vivace title-track è un treno che non ferma ad alcuna stazione. Nell’arco di undici minuti, va dritta al cuore del groove. Senza esitazioni o sbavature. L’atmosfera è sognante. Le vibrazioni positive. La sperimentale e meno scorrevole Six In A Row interviene a gamba tesa al culmine dell’endless loop: è la nuova estetica del rumore.

La finale From A Distance, invece, l’occasione per tornare a chiudere gli occhi e, contemporaneamente, a muovere il corpo. La resa sonora è impressionante. Calore dub, visione techno: il connubio perfetto. La musica di STL non segue trend. È fluida e tocca le corde giuste dell’ascoltatore. Con un’eleganza propria di chi ama il proprio hobby.