Steve Moore – Pangaea Ultima

Steve Moore – 'Pangaea Ultima' (2013)

Musica sci-fi per il supercontinente del futuro, destinato a originarsi nel prossimo quarto di miliardo di anni. “Pangaea Ultima” (2013) è il sesto album solista di Steve Moore, il primo pubblicato da Spectrum Spools. Il polistrumentista statunitense trascende spazio e tempo, la sua meditazione in note su un’eventuale nuova gigantesca massa terrestre, già evidenziata dal ‘geologico’ titolo dell’opera, seduce l’ascoltatore con sonorità avvolgenti e calde, alla stregua di colate laviche, senza disdegnare qualche paesaggio più complesso e nebuloso. Un progetto raffinato, elegante, non immaginato quale omaggio a un glorioso passato, il cui oggetto di ricerca è una quasi intaccabile atmosfera, in primo piano, mai confinata in una dimensione secondaria. Non a caso, i riferimenti del già bassista degli Zombi sono Michael Stearns e i Tangerine Dream. La grande tradizione ambient è così rinvigorita da luminose istanze contemporanee.

Acquista “Pangaea Ultima”