Stelvio Cipriani – Il Sesso Del Diavolo (Trittico)

Stelvio Cipriani – 'Il Sesso Del Diavolo (Trittico) (Original Motion Picture Soundtrack)' (2019)

Il chirurgo Andrea (Rossano Brazzi), la moglie Barbara (Maitena Galli) e la sua assistente Silvia (Sylva Koscina) sono in vacanza a Istanbul. I tre si stabiliscono in una villetta sul Bosforo, la cui proprietaria, una scultrice francese, si è impiccata a un albero. Nell’abitazione, gestita da Fatma (Paola Natale), la governante dell’artista, accadono strani fenomeni, di origine apparentemente sovrannaturale, che aggravano i già tesi rapporti tra i coniugi. Mentre il chirurgo, che cerca di scoprire la verità su tali eventi, è ostacolato da uno sconosciuto, tra sua moglie e Silvia nasce un ambiguo rapporto, favorito da Fatma. In realtà, è proprio la governante che intende eliminare Andrea, mirando a ricreare, con Barbara e Silvia, i morbosi rapporti che già l’avevano legata all’ex padrona di casa. Silvia, però, le impedisce di uccidere l’uomo. Terminata la vacanza, il chirurgo e le donne abbandonano la villa. Fatma, ormai sconfitta, si toglie la vita.

Descrizione

Una serie di strani accadimenti nei pressi della città turca, splendida location che compensa la non eccelsa qualità narrativa dell’opera, sono al centro di un progetto confuso, spartano, amalgama di differenti generi cinematografici, ma affatto tensivo. “Il Sesso Del Diavolo” (1971), distribuito anche come “Trittico”, non ascrivibile, infatti, tra i thriller allora in voga e non fa parte del filone paranormale, la cui sottotrama è, spesso, svilita o collocata in disparte, quasi fosse un orpello per una non meglio identificata svolta psicologica. La pellicola di Oscar Brazzi, occhio dietro la cinepresa per il pruriginoso dittico composto da “Il Diario Segreto Di Una Minorenne” (1968) e “Vita Segreta Di Una Diciottenne” (1969), confonde lo spettatore attraverso l’alternanza di fantasia e realtà. La trama è incerta, i dialoghi esistenziali e interrogativi contribuiscono a rallentarne il ritmo, l’atmosfera rarefatta, forse esoterica, è purtroppo abbozzata.

Musica

La colonna sonora di Stelvio Cipriani, pubblicata in cd dalla Quartet Records, è introdotta da Il Sesso Del Diavolo (Titoli), fondata sulla ritmica di In-A-Gadda-Da-Vida, brano degli Iron Butterfly, ripreso anche tra le pieghe della library “UST 7013” (1976) e dello score di “Bermude: La Fossa Maledetta” (1978). La tracklist de “Il Sesso Del Diavolo (Trittico) (Original Motion Picture Soundtrack)” (2019) rivela, però, anche brani tensivi quali Il Sesso Del Diavolo (Seq. 3), Il Sesso Del Diavolo (Seq. 4) e Il Sesso Del Diavolo (Seq. 8); dolci e sensuali con i vocalizzi di Nora Orlandi, è il caso de Il Sesso Del Diavolo (Seq. 5) e Il Sesso Del Diavolo (Seq. 7); ballabili, ad esempio Il Sesso Del Diavolo (Seq. 10), Il Sesso Del Diavolo (Seq. 12) e Il Sesso Del Diavolo (Seq. 17). Magistrale l’esecuzione pianistica de Il Sesso Del Diavolo (Seq. 16). L’atmosfera orientale Il Sesso Del Diavolo (Seq. 23) e la marcetta Il Sesso Del Diavolo (Seq. 24) completano la partitura.

Acquista la colonna sonora de “Il Sesso Del Diavolo (Trittico)”