Roland Klinkenberg – Construct

Roland Klinkenberg – 'Construct' (2015)

In principio era un EP digitale. Due file per il catalogo Green. Mesi dopo erano diventati dodici, altrettanto disponibili on-line. Il trasferimento su vinile l’ultimo passaggio, per celebrare al meglio il suo autore, attivo da due decadi, ma con solo album alle spalle, “Mexico Can Wait” (2007). Eppure Roland Klinkenberg è uno dei nomi storici della scena olandese. Dagli anni Novanta in poi, ha esplorato l’intero spettro house, con svariate escursione trance ed esperimenti dub. I quattro brani di “Construct” (2015 )approfondiscono, invece, le tematiche tech house, come in Neverspleeps, raccogliendo anche lo spunto offerto dal figlio, autore di due field recording, insoliti punti di partenza per le vibranti Construct #1 e Yani. Splendidamente oscura Nuages, una piccola gemma.