Riz Ortolani – L’Invasione

Riz Ortolani – 'L'Invasione (Original Motion Picture Soundtrack)' (2021)

La vita di Marcello (Michel Piccoli), architetto benestante, docente universitario, sposato con l’affascinante Marina (Lisa Gastoni) cambia nel corso di una piovosa sera. L’uomo riceve una telefonata di uno dei suoi allievi che chiede ospitalità per se stesso e per un gruppo di amici, oltre che per discutere di alcune questioni. Marcello, che si considera un democratico, accetta ma, presentatisi in dodici – nove ragazzi e tre ragazze – gli studenti rinunciano a un qualsiasi scambio di idee con il professore per dedicarsi, invece, a un aperto dileggio. I giovani mettono a soqquadro la casa, irridendo i simboli del benessere. Marcello, sforzatosi di stare al gioco, perde la pazienza, ma la moglie Marina, schieratasi dalla parte dei contestatori, si concede a uno di loro. All’alba, dopo la messa in scena di un finto suicidio, la turbolenta comitiva lascia i coniugi a meditare sulla fragilità del loro legame, di cui quell’invasione ha messo a nudo l’ipocrisia.

Descrizione

“L’Invasione” (1970) è un film dalla genesi insolita: nasce, infatti, da un copione ‘italiano’, a cura di Fabio Carpi e Luigi Malerba, affidato al regista Yves Allégret, francese non solo per nazionalità, ma anche per stile. La sua felice riuscita risiede, forse, proprio nella collaborazione tra le parti. Gli autori hanno avuto il merito di registrare un fenomeno che si è manifestato a macchia d’olio nel mondo occidentale, con giovani contestatori che hanno invaso e devastato in segno di disprezzo le lussuose dimore degli intellettuali di sinistra perché, a loro avviso poco impegnati e ormai compromessi con il benessere. Il cineasta ha tradotto ciò con ironia: i coniugi, interpretati da una coppia di attori ben assortita, sono facili prede dei ragazzi, finiscono per scimmiottarli, non riuscendo a comprendere a pieno il senso della lezione ricevuta. La claustrofobica ambientazione all’interno di una villa non preclude neppure il susseguirsi di diversi colpi di scena.

Musica

L’edizione cd griffata Quartet Records colma un vuoto cinquantennale, tramandando ai posteri un oscuro capolavoro di Riz Ortolani, ‘rivitalizzato’ in termini di resa sonora grazie all’accesso ai nastri conservati negli archivi del compositore. La tracklist de “L’Invasione (Original Motion Picture Soundtrack)” (2021) è introdotta da L’Invasione (Main Titles), un inno rock psichedelico per chitarra elettrica e sassofono, ripreso con leggerezza in L’Invasione (Love Theme – Beat), dedicato allo stile di vita degli adolescenti. Un tema declinato con differenti strumenti, ideale contraltare di ballabili quali L’Invasione (Dark Shake), L’Invasione (Psychedelic Shake) e L’Invasione (Discoteque Shake). La medesima trascinante ritmica da piccolo complesso è centrale anche ne L’Invasione (Urban Violence Mood) e versioni derivate. Alternative e allucinanti L’Invasione (Drugs) e L’Invasione (Religious Moment) tra gong e note d’organo.

Acquista la colonna sonora de “L’Invasione”