Plastikman – Sheet One

Plastikman ‎– 'Sheet One' (2012)

Il secondo album di Richie Hawtin, ma il primo come Plastikman, con il suo alieno deformato e danzante in copertina, disegnato da Dominic Ayre. Uno dei debutti più fulminanti della breve storia della musica elettronica. Reduce dal seminale “Dimension Intrusion” (1993), accreditato con l’altro pseudonimo F.U.S.E., l’artista di nazionalità canadese si è cimentato con successo con la techno in divenire e l’acid degli albori. Tribalismi e ipnosi, tastiere e percussioni, effetti taglienti e sample indefinibili. “Sheet One” (2012), ripubblicato dall’etichetta Mute, è la geometrica fotografia in note di un vivace momento storico, di una sotterranea scena musicale d’oltreoceano destinata poco alla volta a crescere e a imporsi altrove. Un viaggio psicotropo in undici brani.

Acquista “Sheet One”