Piero Umiliani – Paranoia (Orgasmo)

Piero Umiliani – 'Paranoia (Orgasmo)' (2020)

Catherine West (Caroll Baker) è una giovane vedova statunitense giunta a Roma per riposarsi dallo stress derivante dalla morte accidentale dell’anziano marito. Un giorno, il giovane Peter Donovan (Lou Castel) chiede aiuto per l’auto in panne nei pressi della villa sull’Appia Antica e, con diverse scuse, inizia a frequentarla, instaurando una relazione con la ricca donna. L’uomo non è l’unico ospite dell’abitazione. Presto lo raggiunge Eva (Colette Descombes), sua sorellastra. Si crea, quindi, un gioco perverso a tre di cui Catherine West diviene la vittima. I due complici le somministrano alcool e medicinali, al fine di spingerla al suicidio. È il piano ordito dall’avvocato Brian Sanders che, tra un volo e l’altro, ha già fatto firmare un mucchio di scartoffie alla vedova. Lanciatasi dal tetto, il trio cerca di riscuoterne l’eredità, ma il crimine non paga: la polizia ha aperto un’inchiesta sull’oscura morte. Ognuno sarà responsabile della propria avidità.

La pietra angolare del giallo sexy italiano. Ispirato dalla lettura di un racconto pubblicato da un magazine a stelle e strisce – incentrato su una vedova sedotta e uccisa per soldi da un giovane nella sua villa – Umberto Lenzi scrive un soggetto inizialmente intitolato “Paranoia”, degno successore del non meno sperimentale “Il Dolce Corpo Di Deborah” (1968) di Romolo Guerrieri. Il titolo fu, poi, mutato in “I Perversi” e, infine, in “Orgasmo” (1969), forse, non pertinente per un complotto economico-ereditario, gestito da un deus ex machina, con conseguente colpo di scena finale. La sessualità è, invece, l’arma non convenzionale tramite la quale circuire la facoltosa borghese, annoiata padrona di un’abitazione con piscina, auto di lusso, abiti costosi e appariscenti, portatrice di quei simboli che, durante l’arco narrativo, sono oggetto di attacco e demolizione da parte di figli dei fiori impegnati in una sorta di contestazione con mezzi leciti o illeciti.

La voce di Lydia MacDonald che scandisce il testo della canzone Fate Had Planned It So (Film Version) l’incipit di “Paranoia (Orgasmo)” (2020), colonna sonora pubblicata in vinile dalla Four Flies Records. Scoperta tra i materiali d’archivio conservati presso l’abitazione di Piero Umiliani, nel corso della compilazione di “Studio Umiliani” (2018), la partitura ritrovata su un nastro intitolato “Un Desiderio D’Amore” riserva emozioni e sorprese non solo in chiave jazz. L’eclettico artista, reduce dai fasti di “Svezia, Inferno E Paradiso” (1968), ha composto uno score di rara bellezza fondato su brani bossa o samba. Deliziosi i giochi vocali di Giulia De Mutis in Orgasmo – M5 (Jet Set), Orgasmo – Seq. 6 (Psychedelic Suspense) e, in coppia con Alessandro Alessandroni in Orgasmo – M27 (Psychedelic Trap). Sublime Antonello Vannucchi all’organo Hammond.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.