Piero Umiliani – La Legge Dei Gangsters

Piero Umiliani – 'La Legge Dei Gangsters (Colonna Sonora Originale)' (2016)

Rino (Maurice Poli), un gangster da poco uscito di prigione, organizza, con l’aiuto del ricettatore Fulvio (Aldo Cecconi), un colpo da cinquecento milioni di lire ai danni di una banca genovese, scegliendo come complici due abili ladri di gioielli, Franco (Samy Pavel) e Renato (Max Delys), e un meridionale disoccupato, Bruno (Franco Citti). Il finanziatore dell’impresa, da cui ricaverà il trenta per cento, è il francese Regnier (Klaus Kinski). Realizzato il colpo, e liberatisi dei poliziotti con un conflitto a fuoco durante il quale muore la Fulvio, i criminali, al momento di spartirsi il bottino, affrontano Regnier, che li costringe con la forza a cedergliene la metà. Per sventare la minaccia di Rino, che ha giurato di vendicarsi, Regnier uccide Renato e Franco. Quando il francese affronta Bruno, è sorpreso da Rino che, al termine di un corpo a corpo, lo elimina. In procinto di fuggire a bordo di un motoscafo, Rino muore durante la sparatoria ingaggiata con la polizia.

Descrizione

“La Legge Dei Gangsters” (1969) è un poliziesco girato a Genova, con un cast di grandi interpreti, modellato sugli stilemi classici del genere, prossimi alla contaminazione con il noir à la Jean-Pierre Melville, la cui originalità risiede in un montaggio alquanto moderno, specialmente nella prima parte del film, con diversi salti temporali all’interno di una trama simil puzzle, da ricostruire poco alla volta, focalizzata su ciò che avviene o è avvenuto prima e dopo il colpo attuato dalla banda di astuti criminali. Una modalità che consente di analizzare a fondo sia i sentimenti di ognuno degli stereotipati personaggi che le motivazioni degli stessi nello scegliere una vita in contrasto con la legalità. La pellicola di Siro Marcellini risulta efficace anche nel corso delle concitate sequenze d’azione, su tutte quella della resa dei conti, in grado di mantenere vivo l’interesse dello spettatore, malgrado una seconda parte dal confuso intreccio.

Musica

Piero Umiliani ha offerto di rado le sue note a pellicole dei ‘mondi neri’, è il caso de “La Morte Bussa Due Volte” (1969) o “5 Bambole Per La Luna D’Agosto” (1970), ma quelle occasioni sono state memorabili. Il doppio vinile de “La Legge Dei Gangsters (Colonna Sonora Originale)” (2016), una release Dagored, testimonia l’estro del compositore, autore, in primis, di quattro suite jazz, Genova P.zza De Ferrari Dalle 2 Alle 7, La Legge Dei Gangsters, Sequenze Ritmiche e Spiaggia Deserta, eseguite da I Marc 4, con Franco Chiari al vibrafono. Il compendio della sua arte è seguito da momenti frenetici, Very Fast; romantici, Alba Sul Mare; sognanti, Crepuscolo Sul Mare; cadenzati, Tema Dell’Addio; spensierati, Lui E Lei con i fonemi di Alessandro Alessandroni e Giulia De Mutiis. L’opera è completata dalle vibranti Sei Ottavi In Blues e Swing Come Sempre, con Cicci Santucci alla tromba, dai seducenti archi di Disgelo, e dalla canzone Gangster’s Song.

Acquista la colonna sonora de “La Legge Dei Gangsters”