Piero Umiliani – 5 Bambole Per La Luna D’Agosto

Piero Umiliani – '5 Bambole Per La Luna D'Agosto (Colonna Sonora Originale Del Film)' (2013)

Il professore Frick Hangel (William Berger), inventore di una formula per una rivoluzionaria resina sintetica, è invitato dall’industriale George Sagan (Teodoro Corrà) a trascorrere il weekend presso la sua villa costruita su un’isola deserta, insieme alla moglie, Trudy Farrell (Ira von Fürstenberg), e ad altri ospiti interessati alla scoperta. Le trattative tra gli uomini d’affari procedono a fatica e, quando lo yacht rientra verso la terraferma in previsione di una tempesta, un assassino inizia a decimare i presenti. Senza movente. Misteriosa anche la scomparsa del professore, il cui cadavere non è rinvenuto dagli unici sopravvissuti, sua moglie e Jack Terrison (Howard Ross), artefici di un piano diabolico per impadronirsi della formula, racchiusa all’interno di un microfilm. Quest’ultimo finirà tra le mani di Isabel (Justine Gall), figlia del guardiano, d’accordo con Frick Hangel, destinata a godersi la sua fortuna, poiché lo scienziato è un impostore.

Liberamente ispirato al mistery novel “Dieci Piccoli Indiani” (1939) di Agatha Christie, “5 Bambole Per La Luna D’Agosto” (1970) è un indecifrabile giallo, il cui titolo fa riferimento al ritrovamento di cinque cadaveri avvolti in un involucro trasparente e sadicamente appesi a un cavo, dondolanti come marionette inutilizzabili all’interno della cella frigorifera della villa. Un film barocco, claustrofobico, visionario, a tratti privo di suspense malgrado una vicenda particolarmente intricata, ma ricco di trovate geniali e ardite soluzioni visive filmate. Primi piani, folli zoom, inquadrature totali e un montaggio rapido ed ellittico – al netto delle suggestioni pop art tra colori accesi, forme moderne, scenografiche plastiche e il vestiario delle protagoniste della pellicola – tramandano ai posteri la ‘tradizionale’ cifra stilistica di un grande occhio dietro la cinepresa, quello di Mario Bava, in grado di tratteggiare un clima da tragedia con notevole maestria.

La stessa di Piero Umiliani, che incanta l’ascoltatore con un mix di jazz e lounge. La ristampa in vinile dell’AMS di “5 Bambole Per La Luna D’Agosto (Colonna Sonora Originale Del Film)” (2013) riconsegna ai posteri una partitura di rara bellezza, introdotta da Cinque Bambole (Versione Coro), con la partecipazione de I Cantori Moderni Di Alessandroni. La loro filastrocca è sovrapposta a batteria e basso, su cui s’inseriscono ottoni e organo. Un brano variato ad hoc in Bambola Omicida e Fantoccio Grottesco. Medesimo ‘trattamento’ per Luna D’Agosto, il secondo tema, dal ritmo sincopato tra percussioni e clavicembalo. Danza Primitiva, Danza Jazz Moon e Danza Citar Free sono, invece, tre eclettiche composizioni che si contrappongono al dittico di Interludio Azzurro e Interludio Giallo, il primo suadente, il secondo teso. La canzone Ti Risveglierai Con Me (Versione Film), interpretata dal Balletto Di Bronzo, conclude l’opera in bellezza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.