Piero Piccioni – Le Streghe

Piero Piccioni – 'Le Streghe (Original Motion Picture Soundtrack)' (2018)

Film a episodi, diretti da Luchino Visconti, Mauro Bolognini, Pier Paolo Pasolini, Franco Rossi e Vittorio De Sica, “Le Streghe” (1967) è, soprattutto, un omaggio del produttore Dino De Laurentiis a sua moglie, Silvana Mangano, presente in ciascuno dei cinque segmenti, in bilico tra commedia e grottesco. Un’analisi dell’essere attrice, tra finzione e realtà, al netto delle debolezze e dei trucchi. La meschinità dell’uomo contemporaneo contrastata da una donna ormai prossima all’emancipazione. La ricerca della moglie e madre ideale da parte di un padre e di un figlio in un imprecisato e bizzarro futuro. Gelosie, tradimenti e vendetti trattate in modo leggero. Una compagna stanca e annoiata immortalata nel quadro di una latente crisi di coppia. Un progetto abbastanza ambizioso se paragonato ai coevi del cinema italiano degli anni Sessanta, a fronte di un cast che annoverava, in ordine di apparizione sullo schermo, Annie Girardot, Clara Calamai, Massimo Girotti, Alberto Sordi, Totò, Ninetto Davoli e Clint Eastwood. Divi italiani e stranieri strumentali per un facile successo al botteghino.

Due dei cinque episodi della pellicola sono legati a doppio filo ad alcuni dei temi più raffinati di Piero Piccioni, ripubblicati dalla Digitmovies Alternative Entertainment all’interno del vinile “Le Streghe (Original Motion Picture Soundtrack)” (2018). Shake e Love Theme, ad esempio, sono al centro della vicenda de “La Strega Bruciata Viva” di Luchino Visconti. Il primo elegante e malizioso ballabile per batteria, chitarra, fiati, organo e pianoforte, ripreso e variato più volte a seconda delle alterne vicende della protagonista. Il secondo, delicato e ai limiti del sacro, per arpa, celesta, contrabbasso, flauto e vibrafono, una carezza chill-out ante litteram. Per l’episodio di Vittorio De Sica, “Una Sera Le Come Altre”, il compositore ha scritto, invece, un romantico tema d’amore: Waltz. Come d’incanto, lo scorrere del tempo si cristallizza per brevi ma intensi minuti. La marcetta per trombone, Fancy March, un divertissement d’affiancare a Gogo Girls Choir, con il contributo de I Cantori Moderni Di Alessandroni e Cha-Chat Beat – Long Version, con la sezione fiati in gran spolvero. Differenti evasioni dalla realtà.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.