Piero Piccioni – L’Assassino

Piero Piccioni – 'L'Assassino (Original Motion Picture Soundtrack)' (2017)

Un giovane antiquario dal torbido passato, Alfredo (Marcello Mastroianni), è fermato dalla polizia e condotto nei suoi uffici. In attesa di conoscere i motivi del suo fermo, ritornano alla memoria episodi e fatti di dubbia onestà dei quali non si fece scrupolo di essere partecipe o protagonista, inseguendo una solida posizione economica. I sospetti che gravano su di lui sono, però, più gravi. Una sua ex amante, Adalgisa (Micheline Presle) è stata uccisa e poiché, proprio la sera precedente il delitto, Alfredo si è incontrato con lei per chiederle la dilazione nel pagamento di un debito, l’uomo è tra i potenziali colpevoli. Durante l’interrogatorio di altri testimoni, la polizia riesce a individuare il vero colpevole. Alfredo è libero, ma l’angoscia di quei lunghi, drammatici momenti provoca in lui una reazione, ma presto il rimorso e il pentimento si dileguano. L’antiquario torna, infatti, alle cattive abitudini di prima, come se nulla fosse accaduto.

Descrizione

Un’accurata analisi psicologica dei turbamenti di un antiquario non al di sopra di ogni sospetto. “L’Assassino” (1961) è il folgorante esordio dietro la cinepresa di Elio Petri, il regista della futura ‘trilogia della nevrosi’, composta da “Indagine Su Un Cittadino Al Di Sopra Di Ogni Sospetto” (1970), “La Classe Operaia Va In Paradiso” (1971) e “La Proprietà Privata Non È Un Furto” (1973). Il primo lungometraggio, impostato in chiave thriller, è costruito attraverso una serie di flashback che frammentano la narrazione: lo spettatore è inizialmente al cospetto di una vicenda paradossale e misteriosa, con l’interrogatorio e l’arresto del personaggio principale. La sua vita da arrampicatore sociale è ripercorsa a tappe: ognuna rivela un meschino modo di relazionarsi con il prossimo. La descrizione del protagonista, freddo, distaccato, emerge con forza nel suo modo di concepire gli esseri umani quali meri oggetti da utilizzare per i propri scopi.

Musica

La colonna sonora di Piero Piccioni, pubblicata in cd dalla Quartet Records, offre all’ascoltatore cinquanta minuti di sfumature jazz e una manciata di temi, con svariate riprese e variazioni. L’Assassino (Titoli), ad esempio, introduce l’opera con una mirabile successione di assoli di tromba e più acuti suoni di vibrafono. Romantico, invece, il sound proprio de L’Assassino (Momento D’Amore), in seguito declinato più volte con l’ausilio del clavicembalo. Alternativi brani quali L’Assassino (Notturno), dalle seducenti note di pianoforte, e L’Assassino (Attesa Blues), una breve e rilassante digressione. Il ritmo, a tratti, compassato aumenta, all’improvviso, con L’Assassino (Inseguimento) fino a dissolversi in L’Assassino (Indagine). La tracklist de “L’Assassino (Original Motion Picture Soundtrack)” (2017) annovera, inoltre, la pregevole L’Assassino (Atmosfera Sensuale), per chitarra e flauto, e l’oscura L’Assassino (Momento Misterioso), segnata dal basso.

Acquista la colonna sonora de “L’Assassino”