Paul Schütze – The Sky Torn Apart

Paul Schütze – 'The Sky Torn Apart' (2018)

Ode al Ragnarök. Quando l’intero mondo sarà distrutto e, quindi, rigenerato al culmine della battaglia finale tra le potenze della luce e dell’ordine e quelle delle tenebre e del caos. “The Sky Torn Apart” (2018), pubblicato dalla Glacial Movements, affonda le sue radici nella mitologia norrena che attribuisce all’acqua il compito di purgare la terra. Un concept ad hoc per rimarcare il parallelismo in atto tra la trasformazione dell’ambiente naturale da parte dell’uomo e il suo triste futuro, strumentale per celebrare l’atteso ritorno di Paul Schütze, i cui primi progetti discografici risalgono alla fine degli anni Ottanta. Collaboratore di Bill Laswell, Clive Bell, David Toop e Jah Wobble, l’artista di Melbourne non si è mai limitato al mero approfondimento di tematiche musicali. Nella sua carriera, si annoverano, infatti, installazioni per gallerie e musei, fotografie incluse in collezioni pubbliche e private e, addirittura, una fragranza con il suo nome.

Il monito ambientalista di Paul Schütze è ravvisabile sin dai primi suoni ‘acquatici’ contenuti in “The Sky Torn Apart”. Come rivoli d’acqua che scorrono inesorabili in enormi caverne. Distanti i tuoni, prolungati i ronzii. Un bordone ripetitivo sempre più opprimente. L’incontrollato rimodellamento del pianeta può condurre l’umanità alla sua stessa fine. Un cataclisma che non si manifesterà attraverso la ‘glaciazione’ cara all’etichetta italiana. La corrispondenza artistica tra i timori dell’australiano e il messaggio isolazionista di Alessandro Tedeschi è eccellente: l’atmosfera di The Sky Torn Apart è inquietante. Se la prima parte del brano rimanda all’alluvione, la seconda assume toni più calmi, con suoni più distinti e, di pari passo, un umore meno claustrofobico. Le acque si ritirano lentamente. Si evoca, in breve, l’inizio di una nuova vita, con la consapevolezza che tutto ciò che comincia ha sempre una fine. Talvolta lieta.

The sky tore apart and the sun curdled like a diseased eye. Below, where once a continent of ice spanned the horizon, there lay nothing but a vast expanding mirror, implacable and silent. For days, clouds of flying creatures scoured it’s surface for purchase before falling exhausted into their own reflections.

Il contenuto di “The Sky Torn Apart” non è solo denso come la nebbia o sfuggente come il vento. La raffinata musica di Paul Schütze avvolge l’ascoltatore per quasi un’ora anche tramite calibrate variazioni di ritmo e l’utilizzo sia di field recording che del flauto dritto giapponese, lo shakuhachi, suonato dallo stesso Clive Bell. Un minimalismo, forse, non facile da fruire durante un primo ascolto. La contemplazione sul nostro destino è, però, senza parole. Il silenzio l’immaginaria linea di demarcazione temporale non è casuale. Talune risonanze sono, invece, cristalline persino quando l’oscurità è totale. Il drone cambia lentamente forma e struttura. La monotonia scongiurata. L’impatto visivo su una sfera tutta interiore. La percezione dell’immensità trasmessa dal lavoro dell’artista giace così nella comprensione delle millenarie leggi universali. Non dettate, ma imposte dal naturale corso degli eventi, a favore del mistero dell’infinito. Enigmatico.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.