Paolo Vasile – Controrapina

Paolo Vasile – 'Controrapina (Colonna Sonora Originale Del Film)' (2021)

L’ex scassinatore di casseforti Chris (Lee Van Cleef) vive da anni in una remota fattoria. L’uomo è scovato e convinto a rientrare in azione da Jeff (Edward Albert), figlio di un suo complice deceduto. Il giovane lo convince ad aiutarlo a rubare una partita di diamanti dalle mani dei contrabbandieri. I preziosi devono essere consegnati a Karl (Peter Carsten), un boss di New York. Chris recluta così Sam (Lionel Stander), il proprietario del banco dei pegni Sam, disponibile a custodire la refurtiva. Karl intende, però, tagliarli fuori dall’accordo, intascando i proventi derivanti dalla vendita dei diamanti. I due pianificano una contromisura da attuare dopo aver effettuato il colpo. Il primo è a riposo in una casa di cura, dopo essere stato ferito durante lo stesso. Il secondo è, invece, confinato in prigione per presentare un alibi plausibile. Quando il capitano Donati (Robert Alda) ricostruisce la vicenda, tutte le parti coinvolte sono in pericolo di vita.

Descrizione

Una metropoli coperta di neve, ripresa spesso di notte ed estranea a ogni misura d’uomo. Vecchie glorie del cinema statunitense e nuovi delinquenti smalizianti. Qualche sequenza d’azione e una trama di blandi intrighi e immancabili doppi giochi. “Controrapina” (1978) è un tardo poliziesco diretto dall’esperto Antonio Margheriti, giocato sul ribaltamento di una situazione che si aggiunge alla suspense creata dall’evento motore della storia, o una singolare rapina ‘al quadrato’. Al culmine di una decade di sangue, non solo sul grande schermo, l’adozione di toni esoterici, fantascientifici e morbosi diviene così strumentale sia per innovare il filone che per attirare l’attenzione di un pubblico sempre più esigente. Il film ‘ricicla’ stereotipi gangster movie, dalla squallida ambientazione ai personaggi dotati di carisma, senza, però, riuscire a fare centro al botteghino e a essere davvero tramandato ai posteri.

Musica

La partitura di Paolo Vasile, riproposta in vinile da Cinedelic Records, uno spaccato della musica di quarant’anni fa. La tracklist di “Controrapina (Colonna Sonora Originale Del Film)” (2021) rivela da subito le due direttrici dell’opera, fondata su una manciata di temi con variazioni eseguiti da alcuni componenti dei Goblin, turnisti per vari progetti Cinevox. Da una parte, il ‘classico’ sound da furti e rapine, con ritmi ipnotici e trame misteriose: è il caso di The Robbery e After The Robbery, tracce imperniate su un giro di basso scandito dalla grancassa e dal pianoforte elettrico, con effetti di percussioni e sintetizzatori. Dall’altra, a sorpresa, brani disco music, ad esempio, l’opener Now, cantata da I Nuovi Angeli, The Loner, con voce prestata dallo stesso compositore, Hey Man e The Kid, in linea con il sound di Cerrone. Il sassofono di Antonio Marangolo è, invece, centrale in Controrapina e nella sua versione beatless Chris In The Snow.

Acquista la colonna sonora de “Controrapina”