Nico Fidenco – Per Il Gusto Di Uccidere

Nico Fidenco – 'Per Il Gusto Di Uccidere (Colonna Sonora Originale)' (2016)

Lanky (Craig Hill) è un atipico bounty killer, a caccia di convogli e non di uomini. I preferiti sono quelli che trasportano denaro da una banca all’altra. L’uomo ripone speranza che ignari banditi li attacchino per impossessarsi della merce trasportata. Una condizione che favorisce il suo ingresso in campo, armato di carabina con cannocchiale. Lanky stermina così i criminali, riconsegnando il denaro a ciascun istituto di credito in cambio di una congrua percentuale. A Omaha, il magnate Collins (Peter Carter) gli propone di investire i diecimila dollari che ha appena guadagnato per assicurarsi un deposito d’oro presso l’istituto di credito locale. Se lo stesso sarà attaccato dai banditi e l’oro rubato, Lanky perderà i suoi risparmi, in caso contrario raddoppierà la cifra. Quando i malviventi arrivano a Omaha per impossessarsi dell’oro, oltre alla beffa di non trovarlo, subiscono una mortale sconfitta. Lanky, raddoppiato il capitale, riparte in cerca di nuove avventure.

Descrizione

“Per Il Gusto Di Uccidere” (1966) è il convincente film con cui Tonino Valerii inizia la sua carriera da regista, nonché il primo western di un quintetto che annovera “I Giorni Dell’Ira” (1967), “Il Prezzo Del Potere” (1969), “Una Ragione Per Vivere E Una Per Morire” (1972) e “Il Mio Nome È Nessuno” (1973). L’ex assistente di Sergio Leone fa propria la lezione del maestro e offre allo spettatore una storia insolita per il filone, segnata da agguati, morti a volontà e duelli, ambientata tra i suggestivi canyon dell’Almeria in Spagna, le cui panoramiche sono rese ancora più affascinanti dalla fotografia di Stelvio Massi, tra i futuri protagonisti della stagione del poliziesco, notevole anche durante le riprese notturne. Il personaggio principale è, non a caso, un uomo freddo, infallibile non solo dalla distanza, solitario e senza scrupoli, lontano dallo stereotipo dell’eroe a stelle e strisce, perché uccide per un tornaconto personale e affatto nel nome della giustizia.

Musica

L’edizione in vinile di “Per Il Gusto Di Uccidere (Colonna Sonora Originale)” (2016) è la prima assoluta in un cinquantennio. La release Dagored presenta in testa la canzone The Yankee Fellow, scritta da Nico Fidenco, autore dell’opera, e vocalizzata dai The Wilder Brothers. L’essenziale brano per basso, chitarra acustica ritmica, batteria e chitarra elettrica solista costituisce l’asse portante della partitura, da cui derivano sia la travolgente Per Il Gusto Di Uccidere (Titoli), con archi, fiati e coro a supporto, che riletture ritmiche quali l’ironica Il Carico D’Argento, la parzialmente ‘galoppante’ Lanky Fellow, Il Bounty Killer, con l’ausilio del flauto, e la sua ‘metà’ La Sfida. La solenne Trasporto Blindato, segnata dalle note dei violini, la mesta L’Orgoglio Di Lanky e Omaha il preludio al grande ‘finale’ in crescendo di Addio, Lanky Fellow. La tracklist è completata da versioni alternative caratterizzate dal ricorso a differenti strumenti.

Acquista la colonna sonora de “Per Il Gusto Di Uccidere”