Murcof – La Sangre Iluminada

Murcof – 'La Sangre Iluminada' (2011)

Da una parte l’estetica glitch, dall’altra field recording, silenzi e altri rumori ideali per punteggiare la tensione. Adattare il proprio sound a qualsiasi tipo di immagini sullo schermo non è da tutti. Spingersi oltre i soliti astratti visual non è affatto facile. È necessario l’approccio giusto, realizzare una vera colonna sonora ha richiesto, per forza di cose, uno sforzo maggiore. Il risultato finale è stato, però, straordinario. “La Sangre Iluminada” (2011), per l’omonimo film (2009) diretto da Ivan Duenas, ha imposto il nome di Murcof come compositore anche per il cinema. Fernando Corona è un musicista completo. La InFiné ha consegnato ai posteri l’edizione vinile di un lavoro godibilissimo, da ascoltare persino slegato dai singoli frame sul grande schermo.

“La Sangre Iluminada” è un film distopico. I protagonisti sono sei estranei che condividono una singolare capacità: sono in grado di transitare da un corpo all’altro. Le loro vite ‘in movimento’ sono destinate a entrare in contatto, anche perché conservano ricordi delle esperienze precedenti, fino a non distinguerle più. Tre mutanti credono che la loro ‘anomalia’ sia legata al sangue. La soundtrack è divisibile in sei differenti parti, ognuna dedicata a uno dei personaggi, più un brano conclusivo, Como Quisera Decirte (Murcof Mix), una sorta di divagazione trip hop in chiave latin, con una sensuale voce spagnola. Le inquietudini, però, appartengono alle altre diciannove tracce, a partire dall’iniziale Sangre Y Mateo. Echi orchestrali e suoni glitch. Binomio perfetto.

Le seguenti Hugo I e Hugo II continuano su tale falsariga, tra pianoforte e archi. In Eugenio I confluiscono altri esotismi, prima del ricorso al field recording. C’è spazio, inoltre, anche per un esercizio dub quale Paloma I e per maggiori elementi percussivi ascoltabili, ad esempio, all’interno della misteriosa Paloma IV. Una piccola eccezione al canone del produttore messicano. L’atmosfera è tesa. La malinconia è strisciante. Gli iniziali colori tenui sfumano verso un marcato grigio. A Soriano I, che fa perno su bassi profondi e battiti sordi, si contrappone Soriano III, intrisa di rumori ambientali. Suggestiva Isaías I, dai risvolti sinfonici. Cruciale Isaías IV, dall’alto tasso epico. “La Sangre Iluminada” un ottimo campionario della suspense tipica di Murcof.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.