Moomin – Yesterday’s Tomorrows

Moomin – 'Yesterday's Tomorrows' (2018)

Il monicker Moomin è spesso accostato a Smallville Records. Il berlinese ha contribuito alla creazione e, soprattutto, alla definizione delle sonorità deep house dell’etichetta di stanza ad Amburgo. Progressioni di accordi ripetuti su tastiere, batterie campionate, malinconie sintetiche e voci lontane. La prima parte del terzo album della sua carriera è, di fatto, l’ennesimo recupero, o rilancio, di quel trademark rivelatosi convincente. È il caso di brani dall’immediata presa sull’ascoltatore quali Daysdays, In Our Lifetime, Shibuya Feelings e Maybe Tomorrow. La seconda parte prende, invece, le distanze da questo ‘presente’. L’artista rivolge così lo sguardo a un alternativo ‘futuro’ in note. Tra i solchi di “Yesterday’s Tomorrows” (2018), una release Wolf Music Recordings, è possibile scorgere sorprendenti echi drum bass, espliciti nel corso di Move On e Into The Woods, e suggestioni hip hop, ad esempio, 949494 e Fruits. Organicità prima qualità.

Acquista “Yesterday’s Tomorrows”