Mazzon + Perletta + Rosati – Différences

Mazzon + Perletta + Rosati – 'Différances' (2015)

L’equilibrio tra le parti è ciò che mi ha più impressionato durante le registrazioni. Un equilibrio alquanto complesso e ciò lo si può percepire anche all’interno dei brani del disco. In linea di massima, si tratta di un suono denso e stratificato, eppure non ho incontrato grosse difficoltà nel capire quando era necessario intervenire, così come quando era opportuno lasciare spazio a Fabio Perletta e Franz Rosati. È stata pura improvvisazione, senza regole.

Tre amici veri, un solo pomeriggio e un piccolo studio a disposizione. Spettatori non paganti: uno. Correva l’anno 2014. Il palco del Terracava – Echi E Visioni Dagli Abissi l’occasione per ritrovarsi a Roma e, magari, provare a condividere vecchie e nuove idee, senza obiettivi predefiniti. Ennio Mazzon, Fabio Perletta e Franz Rosati hanno deciso di fondere le loro identità in “Différances” (2015), album pubblicato dall’etichetta colombiana Éter Editions, devoti a drone, esperimenti e soundscaping.

I produttori italiani sono alla guida di realtà artigianali quali Ripples Recordings, Farmacia901 e Nephogram Editions e dimostrano una grande conoscenza di materiali sonori così delicati. Eppure è stato facile porre un freno alle loro attitudini tendenti all’introversione per favorire il divenire di un intenso, e finora inedito, connubio a tre. “Différances” non difetta di creatività. Le sette tracce senza titolo, la cui unica differenza nominale è una cifra progressiva, si compongono di matrici surreali o ipnotiche.

L’apertura, Untitled 01, è in salita. I microsuoni si addensano poco alla volta. Fruscii di fondo e altri frammenti digitali gravitano liberi. Comincia così il crescendo acustico impostato con cura dal triadico manipolare. Lo schema compositivo non subisce variazioni in Untitled 02, perché parte del medesimo flusso di coscienza nel pieno di distorti bagliori di luce in note. Gli ultimi secondi, però, sembrano caricarsi di maggiore tensione. Untitled 03 riparte da gorgoglii elettronici e brevi e scariche soniche.

I rumori meccanici e le sempre differenti pulsioni, ora riprodotte in serie, si trasformano poco a poco in autentiche percussioni ossessive: Untitled 04 è sana dimostrazione di grande alchimia di intenti. Se l’immediata cura uditiva giace nel librarsi di uno sciame di bollicine e riverberi, l’elettricità invadente di Untitled 05 provvede a diradarlo. Complici fischi e non accidentali pause, il suono appare, a tratti, più spezzato, ma godibile. Untitled 06 desta, invece, curiosità come vibrante esempio di caos calmo.

Infine l’insinuarsi di uno spesso bordone, tra manipolazioni oblique e una tavolozza di effetti. Untitled 07 si configura non come il battito piu aggressivo del trio, semmai come un frangente dal ritmo curato ed elegante. Minuti fatti di attesa, di pace e di mistero. Dopodiché, l’improvvisa propulsione e ridondanti silenzi interrotti solo da segnali acustici. Tre elementi che rimandano, in ordine sparso, ai contorni delle firme su carta di Ennio Mazzon, Fabio Perletta e Franz Rosati. Less is not more.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.