Mark Pritchard – The Four Worlds

Mark Pritchard – 'The Four Worlds' (2018)

Breve, ma convincente. Il secondo album a nome Mark Pritchard, storica metà del duo Global Communication, è una raccolta di otto tracce, che approfondiscono, se non dilatano, lo spettro sonoro proprio della prima, la straordinaria “Under The Sun” (2016). Nonostante lo scarso minutaggio, pari a trentatré minuti di musica, “The Four Worlds” (2018), un’altra release via Warp Records, sorprende per l’alta qualità delle composizioni, ascoltabili in parte come sottofondo di un’installazione in odor di realtà virtuale con lo zampino del solito Jonathan Zawada. Una manciata di elementi sonori sono più che sufficienti per originare atmosfere dai toni finanche minacciosi. Delicati frammenti per rimarcare esperienze vivide. Vibrazioni sovrapposte a melodie per favorire ascolti alla deriva. Un flusso di emozioni eteree veicolato anche dalle voci dello scrittore Gregory Whitehead e della cantante The Space Lady. Sintesi e psichedelia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...