Luis Bacalov – L’Amica

Luis Bacalov – 'L'Amica (Colonna Sonora Originale Del Film)' (2016)

Quando Lisa (Lisa Gastoni) scopre che il tradimento del marito Paolo (Gabriele Ferzetti), un disegnatore industriale, decide di ‘vendicarsi’ di tale affronto. La donna è determinata nel ristabilire il suo prestigio nell’ambiente dell’alta borghesia lombarda: fa trapelare di vivere anche lei una relazione fuori dal matrimonio, con il giovane architetto Franco (Jean Sorel). Un adulterio fittizio di cui racconta ogni minimo dettaglio all’amica Carla (Elsa Martinelli), sposata con il chirurgo estetico Guido (Frank Wolff). Carla è, in realtà, l’amante di Franco e, malgrado la divertano, non resiste alla tentazione di diffondere certe confidenze, coprendo l’amica di ridicolo. Ferita, Lisa non esista a punire anche Carla: fa ricorso alle armi della seduzione per sottrarle dapprima Franco, poi Guido e, infine, il loro figlio. Al culmine, Lisa abbandona, però, i tre uomini, ormai innamoratisi di lei, per rientrare in famiglia e provare a recuperare il rapporto con Paolo.

Descrizione

“Anna” (1951), “Guendalina” (1957), “Dolci Inganni” (1960), “Lettere Di Una Novizia” (1960) e, in seguito “Venga A Prendere Il Caffè Da Noi” (1970) e “Così Come Sei” (1978). La filmografia di Alberto Lattuada è colma di suggestivi personaggi femminili, spesso al passo coi tempi. Un film come “L’Amica” (1969) rinnovava tale abilità nel tratteggiare i loro profili, affiancandola alla grande attenzione dell’occhio dietro la cinepresa nei confronti di una classe borghese inquieta, incerta, alle prese con i drammi di una vita mai vissuta con l’autenticità desiderata. Una volta infranto il sogno di una famiglia felice, la protagonista, desiderosa di mettere a tacere le malelingue, non esita a sottrarre all’amica, che ha tradito la sua fiducia, ciò che ha di più caro. Una vicenda amara, dagli avvincenti risvolti psicologici, dall’ambientazione pop, recitata con intensità, un prodotto realizzato a uso e consumo del pubblico, in cui ogni spettatore può ritrovarsi.

Musica

Esotiche le musiche di Luis Bacalov, uno dei più grandi pianisti, direttori d’orchestra, compositori e arrangiatori di sempre. La ristampa in vinile, a cura della Cinedelic Records, de “L’Amica (Colonna Sonora Originale Del Film)” (2016) restituisce ai posteri sonorità di gran pregio, caratterizzate da atmosfere easy listening, con arpa, conga e suadenti vocalismi di Nora Orlandi: è il caso de L’Amica, Rio, Zona Sul e ‘Round Nassau. Swingin’ Easy In Tanganika è un altro straordinario brano jazz per tamburo e pianoforte, suffragato da una collaterale melodia di flauto. Il frammento L’Amica (Ripresa) precede temi malinconici quali Si Finisce Così e Autunno A Milano, Ore 6 evidenziano una volta in più la tecnica pianistica dell’artista e, così come in Taxi Cab 67 (Si Finisce Così), sottolineano la sua ricercatezza sinfonica. Suggestiva anche la ballata The Bitter Truth, da ascoltare anche in versione strumentale, è cantata in inglese da Fiorenza Mormile.

Acquista la colonna sonora de “L’Amica”