Luciano Michelini – La Città Gioca D’Azzardo

Luciano Michelini – 'La Città Gioca D’Azzardo (Original Motion Picture Soundtrack In Full Stereo)' (2011)

Luca (Luc Merenda) è un baro professionista, frequenta le bische sin da giovanissimo. La singolare destrezza delle sue mani, attira l’attenzione del proprietario del Club 72, il Presidente (Enrico Maria Salerno), al vertice di un vasto giro di casa da gioco in Italia e all’estero, costretto su una sedia a rotelle. Il boss vecchio stampo decide di ‘assumere’ Luca al suo servizio dopo aver assistito alla sua partita a poker, conclusasi con la vittoria di un’ingente somma, contro uno dei migliori giocatori del locale. Al piano inferiore del night, conosce Maria Luisa (Dayle Haddon), fidanzata di Corrado (Corrado Pani), il figlio del Presidente. Incurante di alcuni ‘avvertimenti’, Luca comincia a frequentare Maria Luisa, suscitando l’ira di Corrado, che prova a rendergli la vita impossibile. Fuggiti a Nizza, con il denaro e la benedizione del Presidente che ammira il coraggio del gambler, cadranno in una trappola mortale a causa dell’irresistibile richiamo del ‘tavolo verde’.

Il noir “La Città Gioca D’Azzardo” (1975) rappresenta, potenzialmente, la parte centrale di un’ipotetica trilogia, iniziata con il poliziesco “Milano Trema: La Polizia Vuole Giustizia” (1973) e conclusasi il politico “La Polizia Accusa, Il Servizio Segreto Uccide” (1975), su alcune vicende sociali che hanno caratterizzato l’inizio degli anni Settanta, osservate dall’attento occhio di Sergio Martino, davanti e dietro la cinepresa. Forte del soggetto di Ernesto Gastaldi, il film prende, però, le distanze dai topoi del poliziesco, perché l’intreccio è orientato in misura maggiore sul mondo sotterraneo del gioco clandestino e sui rapporti, finanche dettati dal rancore per una delusione amorosa, tra truffatori e malavitosi e non sui ‘classici’ scontri tra organizzazioni criminali e apparati statali o sulla corruzione di questi ultimi. Una narrazione concreta e ritmata, con opportuni inserti comici, drammatici e violenti, esaltata non solo dagli interpreti principali.

La partitura di Luciano Michelini supporta al meglio l’intera vicenda, ricorrendo a un trittico di interessanti soluzioni e versioni alternative da ascoltare all’interno del cd “La Città Gioca D’Azzardo (Original Motion Picture Soundtrack In Full Stereo)” (2011), edito dalla Digitmovies. Il leitmotiv beffardo, cabarettistico e dal sapore retrò di La Città Gioca D’Azzardo (Seq. 1 – Titoli), per descrivere l’atmosfera delle bische, le cui deliziose varianti si contraddistinguono per un maggiore ricorso ai fiati. Un tema romantico, introdotto da La Città Gioca D’Azzardo (Seq. 2), con Nora Orlandi che duetta con il pianoforte, ripreso con variazioni orchestrali e ritmiche, per commentare la storia d’amore dei protagonisti. E l’eccitante funk di La Città Gioca D’Azzardo (Seq. 8), La Città Gioca D’Azzardo (Seq. 9) o La Città Gioca D’Azzardo (Seq. 12), per gli inseguimenti e la sparatorie, il cui apice è raggiunto dalla magnifica La Città Gioca D’Azzardo (Seq. 22).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.