Luca Ballerini – Il Complotto

Luca Ballerini – ‘Il Complotto’ (2013)

La musica non è un hobby. Le giornate di Luca Ballerini non scorrono mai veloci. Nel corso della sua attività in studio, dedicata anima e cuore anche alle composizioni altrui, il produttore italiano è, però, riuscito a ritagliarsi il giusto spazio e, soprattutto, a trovare anche il tempo per dedicarsi a una piccola carriera solista, preferendo il ricorso a strumenti analogici, ma non disdegnando neppure le possibilità offerte dal digitale.

Descrizione

In dodici mesi, Luca Ballerini ha ultimato il suo lancio nel mondo della musica, stampando tre singoli: “Mushroom Samba” (2013) su Wax Jam, “Il Complotto” (2013) e, come Fucina 045, dal nome dello studio di Verona dove quotidianamente lavora, “Stati Lucidi” (2013), entrambi sulla sua etichetta, la Musical Metaphor. Un nomignolo che deriva dal titolo di un celebre disco di Theo Parrish, uno dei suoi idoli da sempre.

Musica

A partire dalla copertina, curata da Alberto Agostini, “Il Complotto” è curato in ogni dettaglio. Dubbio Metodico (Who Is Cartesio?) ne è la dimostrazione in note: groove ipnotico e anima dancefloor, avvicinandosi alla deep house di Detroit. Il Complotto (Alex Picone Remix) assume, invece, i connotati di ruvido spartiacque con la singolare title-track, tra sensuali melodie e old school bassline. Un ottimo esordio.