Joe Drive – Buried Truth

Joe Drive – 'Buried Truth' (2014)

Strati di suono dalle profondità dell’abisso. “Buried Truth” (2014) mette in luce il lato più oscuro e psichedelico di Joe Drive, un produttore che è solito alzare la posta in gioco, anziché correggerla. Evoluzione continua, ma la radice è la stessa.

Descrizione

Dagli interessanti esordi con “RD-2452” (2011), il livello compositivo è cresciuto e lo spettro sonoro è andato dilatandosi verso l’acid dopo aver divagato attraverso diverse sfumature house, sempre impresse su 12” per conto di etichette internazionali.

L’etichetta svizzera Lux Rec non l’ha affatto perso di vista dai tempi di “Exoplanets E.P.” (2011), scegliendo tre nuove tracce per un vinile dall’apparente grafica catacombale, ma dalla resa sonora tanto intricata quanto affascinante. Da ascoltare con attenzione.

Musica

Venti minuti tra fantasmi meccanici e ombre psichedeliche. Accenni field recording, eterei fraseggi e rimandi techno in odor di anni Novanta connotano per gradi l’incedere deciso di New Edge Mantra, un crescendo ben calibrato tra bassi e pulsioni sciamaniche.

Ancient Entropy presenta, invece, squarci analogici in fermento, tali da favorire mutazioni di ritmo. Accelerazioni improvvise e oscuri inserti compongono The Program, claustrofobica conclusione di un lavoro ipnotico, intenso e, soprattutto, maturo.