Jeremiah R. – Underwater Title

Jeremiah R. – 'Underwater Title' (2014)

Il mistero sulla sua identità. La qualità della musica. Il non voler rilasciare alcuna intervista. Il continuo rimando a mondi drexciyani. Per più di un motivo lo sfuggente Jeremiah R. s’è imposto all’attenzione degli addetti ai lavori come il nuovo ‘alieno’ old school. Dapprima un album, “The 5th Dimension” (2011), su Wil-Ru Records; poi un 12”, “The New Wave” (2013), su Organic Analogue Records, impreziosito da un remix di Heinrich Mueller, un padre non solo ‘spirituale’ per molti artisti legati a Detroit.

Se l’italiana Enklav. è riuscita a mettere le mani sul successivo “Interplanetary Phenomenon Unit” (2014), il vero colpaccio è, probabilmente, riuscito alla britannica Tabernacle Records, che si è assicurata l’interessante “Underwater Title” (2014). Una scelta non casuale: l’etichetta, attiva ormai da cinque anni, è solita selezionare artisti virtuosi per il proprio catalogo, non focalizzato su un unico genere, ma aperto sia a divagazioni ambient che a fuoriuscite house. L’ideale per un produttore versatile.

Sono, però, brani ai limiti dell’electro, emerse dall’underground, a brillare improvvisamente della stessa luce che regala inediti chiaroscuri al manto dell’oceano. Un dato acquatico strisciante che, goccia dopo goccia, assume diverse forme. Se l’opener Phase Space si connota per il classico sound Drexciya, tra armonie di sintetizzatori e bocche aperte, la più ariosa Pineal Gland Stimulation punta più in alto, con vibrazioni cosmiche alternate a solide percussioni. Pochi accordi e via verso il blu profondo.

Far Sight, invece, chiude il lato A riproponendo gli stilemi jackin house attualmente in voga. Sul lato B, superate le inquietudini di Portal, è Twin Paradox la traccia che eleva l’opera del talentuoso Jeremiah R., attraverso una manciata di melodie e i gorgeggi della bassline. Segue Monolith, altrettanto convincente esempio di lenta sovrapposizione di suoni. Attimi di relax prolungati con la conclusiva Blue Algae, dall’atmosfera più introspettiva che conferisce al brano un vero e proprio senso di solennità.

Genuinità, passione e un tocco lirico, quasi orchestrale, costituiscono i punti fermi del lavoro del produttore senza volto che, a mani basse, ha conquistato la scena. Solida ognuna delle sette composizioni: nessun elemento ritmico è lasciata al caso. L’influenza del passato è coniugata alla volontà di andare avanti, affidandosi a una buona dose di romanticismo. Seppur contaminato dalla modernità, che lo ha scanalato in chiave acid, non si placa il ritorno all’electro degli albori. Jeremiah R. ne è l’alfiere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.