Ivan Vandor – Bersaglio Mobile

Ivan Vandor – 'Bersaglio Mobile (Original Motion Picture Soundtrack)' (2021)

Il ladro gentiluomo Jason (Ty Hardin) è sempre pronto a evadere con grande facilità da qualsiasi carcere in cui è temporaneamente rinchiuso. Dietro le sbarre, e in vista di un suo trasferimento presso un penitenziario in Grecia, Jason riesce ancora una volta ad avere la meglio sulla giustizia, complice l’aiuto di qualcuno che, in cambio della libertà, intende ‘obbligarlo’ a compiere una certa azione. Jason è, infatti, costretto a recuperare un microfilm in difficili circostanze. L’uomo riesce nel suo intento, salvo scoprire che l’oggetto interessa anche ad altre persone, in primis a un diplomatico britannico. Una fitta rete di affatto limpidi interessi imbriglia e limita Jason che, coadiuvato da un amico, ribalta i doppi giochi alle sue spalle, sbaraglia le bande avversarie a caccia del microfilm, smaschera una spia russa e affida l’oggetto al funzionario inglese. A missione compiuta, Jason è, però, arrestato e tradotto ancora in prigione. Una nuova evasione lo attende.

Descrizione

Un film di spionaggio quale “Bersaglio Mobile” (1967) ‘interrompe’ il lungo flusso di western in serie diretti da Sergio Corbucci, già alle prese con “Minnesota Clay” (1964), “Django” (1966), “I Crudeli” (1967) e, in seguito, occhio dietro la cinepresa per i non meno di successo “Il Mercenario” (1968), “Il Grande Silenzio” (1968) e “Vamos A Matar Compañeros” (1970). Il lungometraggio è incentrato su un fortunato eroe ante litteram, con esperienza e sangue freddo, perennemente in bilico tra la prigione e la morte, oggetto più o meno consapevole di giochi più grandi di lui. Jason è un autentico bersaglio in costante movimento, inafferrabile per i poliziotti e sfuggente alla sorte che accomuna buoni e cattivi che si scontrano durante l’arco filmico in un autentico gioco al massacro. La trama è fluida, il ritmo serrato ed è altrettanto convincente anche l’ambientazione ateniese, perché offre allo spettatore sia deliziose vedute che un’aria di mistero.

Musica

L’edizione cd di “Bersaglio Mobile (Original Motion Picture Soundtrack)” (2021) l’occasione di ascoltare per intero la colonna sonora in mono del compositore ed etnomusicologo ungherese Ivan Vandor. La tracklist della release Digitmovies rivela poco alla volta i classici elementi dello spionaggio ‘in note’: un tema jazz arrembante, Bersaglio Mobile (Titoli), ripreso e variato in chiave ritmica, è il caso di Bersaglio Mobile (Gangsters), o frazionato in più circostanze; una manciata di brani notturni, con fiati meno squillanti e più sensuali, ad esempio, Bersaglio Mobile (Momento Sexy) e Bersaglio Mobile (Striptease); contributi ‘etnici’, ovvero Bersaglio Mobile (Templi Greci) e Bersaglio Mobile (Balletto Balcanico); ballabili quali Bersaglio Mobile (Festa Latina) e Bersaglio Mobile (Juke-Box Shake); e tensivi quali Bersaglio Mobile (Attesa) e Bersaglio Mobile (Piano Criminale). Una partitura variegata e pressoché priva di punti deboli.

Acquista la colonna sonora di “Bersaglio Mobile”