Giulio Aldinucci – Disappearing In A Mirror

Giulio Aldinucci – 'Disappearing In A Mirror' (2018)

Due anime opposte, talmente diverse da completarsi a vicenda. “Borders And Ruins” (2017) e “Disappering In A Mirror” (2018), il dittico di Giulio Aldinucci pubblicato dalla berlinese Karlrecords, come il bianco e il nero dello Yin e dello Yang. O viceversa. Non c’è bene senza male. Non c’è luce senza buio. Un manifesto di due pagine, di contrasti, di alchimie perfette. La grande sensibilità artistica del field recordist toscano, pronto alla definitiva affermazione su scala internazionale, il principale tratto comune. Un anno dopo “Borders And Ruins”, con i suoi mirabili paesaggi sonori in bilico tra squarci elettronici e contributi field recording, “Disappearing In A Mirror”, offre l’ennesimo spaccato di una ricerca sonora che, al di là del concept, continua a essere focalizzata sulla migliore traduzione possibile di emozioni e percezioni in note dal grande impatto.

Le frontiere, le rovine e lo specchio. Dal macro al micro. Dal plurale al singolare. Misteri e tensioni. Sacro e profano. Non è facile separare il proprio io dalla massa. Non è semplice contemplare il proprio riflesso sulla superficie di un vetro. Scomparire una possibilità dei tempi moderni. Valicare le porte della realtà è un istante. Il cambio di prospettiva tra “Borders And Ruins” e “Disappearing In A Mirror” è netto. All’orizzonte l’incerta definizione identitaria suggerita dal nuovo titolo. Sette brani per esplicitare uno smarrimento interiore. L’adozione di un ‘canone’ ambient cruciale per il raggiungimento di un equilibrio tra le parti. Armonie e bordoni. La raffinatezza e la saturazione. Cori e distorsioni. Il pathos e il reverbero. Un primo tentativo di sintesi duale si concretizza con The Eternal Transition, un’apertura solenne e a strati. Di rumori e di violini.

Gli elementi sonici e quelli melodici pulsano in modo irregolare. L’alterazione dell’aspetto e della limpidezza ha inizio. Gli alti volumi e, soprattutto, le voci femminili di Jammed Symbols strumentali per un immediato contrasto. La granulare complessità di fondo è garantita da una manciata di frammenti vocali combinati in una nuvola di suoni, pronta a elevarsi verso l’infinito. Notturno Toscano si configura, invece, come una placida e sommessa introspezione, solcata da sporadiche inquietudini ambientali. Un susseguirsi fitto e veloce di piccoli rumori secchi, di battiti leggeri, tanto decisi quanto insistenti, diviene l’ennesima testimonianza della grande creatività di Giulio Aldinucci e, parimenti, del suo padroneggiare un sintetizzatore modulare. L’alternativa all’ipnosi derivante da ronzii e fruscii è racchiusa tra le pieghe di Aphasic Semiotics.

Un’imponente fusione di trazioni nel vuoto e trame corali per un momento sia di raccoglimento che di riflessione non solo sull’aspetto immateriale del titolo, oltre l’ascolto e la visione, ma sull’idea che pragmatica, semantica e sintattica siano incapaci di esprimersi attraverso la parola o la scrittura, sospendendo il loro giudizio sulla natura delle cose, a seguito dell’inconoscibilità della realtà. L’immaginifica frattura tra segni linguistici e contemporaneità raggiunge il suo apice in The Tree Of Cryptography. Aspra come la barriera alla comprensione. Il coro di The Burning Alphabet mitiga l’alone di oscurità. La precisa suddivisione in segmenti deformati riallinea l’album ai contenuti di “Borders And Ruins”. La conclusione è affidata a Mute Serenade, ossimoro dai rimandi celestiali. Quando le voci si fondono e si confondono su un orizzonte blu cobalto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.