Gaussian Curve – The Distance

Gaussian Curve – 'The Distance' (2017)

Un album più vivace e meno intimo del primo, ma emozionante come pochi altri in circolazione. Otto tracce ultimate in pochi giorni trascorsi ad Amsterdam. Tre musicisti, già affermati come solisti, accomunati da un certo interesse per le sonorità chill-out e downtempo di decadi fa, pronti a fondere le proprie identità in un unicum dalle tonalità pastello. “The Distance” (2017) è il degno successore dell’acclamato “Clouds” (2014), altrettanto pubblicato dalla Music From Memory, che conferma la spontaneità e, soprattutto, la profondità del progetto Gaussian Curve. Gli arrangiamenti di Gigi Masin, Jonny Nash e Young Marco incantano l’ascoltatore, irradiano gli spazi e si perdono le tempo. Echi drum machine, accordi di chitarra e note di pianoforte tra i capisaldi di un’opera strumentale, eccetto la conclusiva Another Place, segnata da un inserto spoken word, summa delle velleità artistiche del trio. Alchimia fa rima con sintonia.