Fabio Orsi – Sterminato Piano

Fabio Orsi – 'Sterminato Piano' (2019)

San Giorgio Jonico, rassegna di musica elettronica indipendente. Innesta ha riunito diverse realtà dedite alla ricerca e alla diffusione di sonorità altre. Sette gli artisti coinvolti, tra cui il prolifico Fabio Orsi. È una notte di metà estate del 2018 e il tarantino si esibisce in una performance suddivisa in due particolari suite, per circa mezz’ora di suoni sorprendenti e affatto in linea con le precedenti release, ma parimenti contraddistinti da una sottesa vena intimista, parallela a quel desiderio mai sopito d’individuare il singolare equilibrio che soggiace tra melodie astratte e registrazioni dal vivo, sperimentazioni elettroniche e note derivanti dal ricorso a strumenti acustici.

Sterminato Piano” (2019), una release Backwards, è creativamente nata all’indomani del ritorno di Fabio Orsi a Taranto, dopo otto anni trascorsi a Berlino, in scia a una ritrovata energia e, soprattutto, a una rinnovata voglia di spingersi oltre il sound che lo ha sempre contraddistinto in positivo, al punto da riflettersi anche in talune variopinte scelte grafiche elaborate da Master Easter, la cui palma in copertina è un ottimo simbolo di un nuovo corso. I brani offrono all’ascoltatore un concept diverso dai precedenti, tanto affascinante quanto legato a doppio filo al territorio e destinato, forse, a configurarsi come potenziale spartiacque all’interno della discografia dell’artista.

Il lento incedere di Amai Il Vento celebra in tono minore e recupera in potenza l’idea della progressione sonora di “E2-E4” (1984) di Manuel Göttsching, pioniere ‘cosmico’ e autore di uno delle pietre miliari della musica contemporanea. L’intreccio meccanico genera in breve un’esplosione di colori vivaci e, in parallelo, alza subito la colonnina di mercurio. Se la prima traccia di Fabio Orsi disperde nell’aria vibrazioni positive, l’affossante Sopra La Terra è connotata da sia da un mood diametralmente opposto, più teso e non meno vibrante, che da una struttura ritmica difficile da assimilare, le cui pulsioni drone e mutevoli stratificazioni non concedono pause di sorta. Tra ermetismo e ipnagogia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.