Evan Caminiti – Toxic City Music

Evan Caminiti – 'Toxic City Music' (2017)

La terza release Dust Editions foriera dei disagi dell’industrialismo capitalista. Un concept distopico dopo i timidi bagliori di “Meridian” (2015). In “Toxic City Music” (2017), Evan Caminiti ritorna al suo strumento, la chitarra, ma il suo interesse è rivolto in misura maggiore a un’insolita materia prima, mix di suoni concreti e ambientali, tra cui field recording urbani riprocessati in studio. Nell’arco di un biennio, l’artista ha catturato suoni sparsi nell’affollata area di New York, intrecciandoli ai suoi esperimenti in ambito drone, fino a renderli del tutto irriconoscibili, con lo zampino di Rafael Anton Irisarri e il contributo di Jefre Cantu Ledesma in Joaquin. Strategico l’approccio impressionista per tinteggiare paesaggi desolati, inumani, finanche radioattivi. Ognuna delle dieci tracce rimanda ad aspetti alienanti della vita contemporanea. Il cielo si fa subito plumbeo. La paura coincide con il silenzio. Lo smarrimento crescente. Soffocare è un istante.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...