Ennio Morricone – Novecento

Ennio Morricone – 'Novecento (Original Motion Picture Soundtrack)' (2017)

Il 27 gennaio 1901, giorno della scomparsa di Giuseppe Verdi, nascono Alfredo (Robert De Niro) e Olmo (Gérard Depardieu): il primo, erede dei beni terrieri dei benestanti Berlinghieri; il secondo, figlio di contadina, alle dipendenze di quei signori, e padre ignoto. I due, crescendo, stringono un legame d’amicizia, a dispetto della diversa estrazione sociale. Un rapporto messo a dura prova a causa del solco sempre più profondo fra padroni e braccianti. Olmo si unisce alla maestra Anita (Stefania Sandrelli), comunista, che muore durante il parto della figlia. L’uomo è costretto alla fuga per scampare ai fascisti. Alfredo, dopo il suicidio del nonno e la morte del padre, sposa Ada (Dominique Sanda), che lo abbandona quando comprende che è divenuto un tiranno. In coincidenza con la Liberazione, Olmo guida i contadini alla rivolta, con Alfredo condannato a morte. I due, invece, invecchieranno insieme, continuando a litigare.

Un film sulla cultura popolare e sulla lotta di classe. Una saga familiare e storica. Un cast stellare per la pellicola più lunga e complessa mai girata in Italia alla metà degli anni Settanta. “Novecento” (1976) di Bernardo Bertolucci è ambientato in Emilia, regione natale del regista, ispirato dal futuro poema “La Camera Da Letto” (1984-1988) di Attilio Bertolucci – una cronaca familiare di un piccolo proprietario terriero – e simbolicamente suddiviso in ‘quattro’ stagioni. La poetica estate dell’infanzia e dell’adolescenza ai primi del secolo. L’autunno che precede l’avanzata del fascismo. Il rigore dell’inverno, paragonato a vent’anni di regime e la sua opprimente retorica. La primavera, coincidente con il 25 aprile 1945, per una rivoluzione corale e il ricongiungimento dei personaggi simbolici dell’opera, sequestra per oscenità e blasfemia, osteggiata negli Stati Uniti per le troppe bandiere rosse, ma dagli ottimi riscontri ai botteghini dello Stivale.

La ristampa in vinile Monte Stella Records di “Novecento (Original Motion Picture Soundtrack)” (2017) restituisce lustro a una delle partiture, forse, meno celebrate di Ennio Morricone, abile nell’affrescare il maestoso ritratto di un secolo, dopo aver collaborato con il cineasta in “Partner” (1968). Sedici brani per meno di un’ora di musica, trainata dal motivo di Romanzo, che invitano l’ascoltatore a concentrarsi sulla nobiltà della terra, dei contadini e della loro ribellione. Mentre le voci, presumibilmente de I Cantori Moderni Di Alessandroni, scandiscono i canti Estate – 1908 e Il Quarto Stato, le dissonanze si addensano tra le pieghe di Autunno – 1922. Il lirismo inquieto di Testamento, i delicati archi di Padre E Figlia, le campane ‘western’ de I Nuovi Crociati, le inquietudini pianistiche di Inverno – 1935 e il lirismo di Primavera – 1945 gli altri momenti cult di una tracklist in cui si sovrappongono azione, romanticismo e suspense.

Acquista la colonna sonora di “Novecento”