Ennio Morricone – Metti, Una Sera A Cena

Ennio Morricone – 'Metti, Una Sera A Cena (Colonna Sonora Originale)' (2015)

Un tavolo da pranzo per quattro appartenenti alla colta classe media. Lo scrittore Michele (Jean-Louis Trintignant) e sua moglie Nina (Florinda Bolkan) ospitano spesso l’attore teatrale Max (Tony Musante) e la nubile Giovanna (Annie Girandot), innamorata del padrone di casa. Nina e Max hanno, invece, una morbosa relazione, di cui Michele è forse al corrente. Le serate si susseguono in un’atmosfera annoiata, fino a quando Max propone a Nina di ravvivarla ‘ingaggiando’ un amatore eccezionale, l’intellettuale ribelle Ric (Lino Capolicchio), che si concede a pagamento a uomini e donne per poter sopravvivere. Il giovane contestatore s’innamora, però, di Nina al punto da tentare persino il suicidio. La donna lo salva e decide di andare a vivere con lui. La loro vita in comune naufraga presto sui soliti scogli. Lo scrittore riaccoglie Nina tra le mura domestiche, facendo accomodare anche Ric al desco. Il gioco può ricominciare.

Descrizione

Lo chiamavano cinema d’autore. Dissacrante, ironico, simbolico. “Metti, Una Sera A Cena” (1969) è un ritratto lucido e disincantato di un ambiente borghese nichilista e nevrotico. L’amore e l’infedeltà secondo Giuseppe Patroni Griffi. Un film d’autore due anni dopo la pièce teatrale (1967), in scena all’Eliseo di Roma con grande successo di pubblico, la cui sceneggiatura è firmata dall’allora esordiente Dario Argento e il montaggio non lineare, caratterizzato da tagli secchi e sfasamenti temporali, affidato a Franco Arcalli, in seguito montatore anche di “Uccidete Il Vitello Grasso E Arrostitelo” (1970), “Veruschka” (1971) e “La Cosa Buffa” (1972). Il dramma concettuale è improntato su cinque edonistici personaggi che, vittime di una ritualità formale, vivono le loro relazioni sentimentali e sessuali come puro status sociale. Comportamenti illogici, gelosie e intrighi in cui lo spettatore può, forse, specchiarsi. L’unica salvezza giace inevitabilmente nel vizio.

Musica

Ennio Morricone ha composto un poema d’amore in note, premiato con il Nastro D’Argento. Una partitura scolpita nell’immaginario collettivo. L’eleganza e il mistero, la passione e il romanticismo sono declinati in chiave bossa nova, jazz e lounge. La ritmata title-track scandita dai vocalizzi Edda Dell’Orso e la placida Terrazza Vuota impreziosita dal coro de I Cantori Moderni Di Alessandroni. Nel mezzo, Sauna, dagli echi western, una timbrica in comune con l’affascinante Uno Che Grida Amore. Il sitar è, invece, protagonista della psichedelica Ric Happening. Alla Luce Del Giorno, un’escursione beat, presenta il motivo cult preso ‘in prestito’ dai Planet Funk per la hit Chase The Sun, inclusa in “Non Zero Sumness Plus One” (2002). La tracklist della lussuosa ristampa in vinile di “Metti, Una Sera A Cena (Colonna Sonora Originale)” (2015), una release AMS, include anche Hurry Up To Me (Bonus Track) cantata dal trio The Sandpipers.

Acquista la colonna sonora di “Metti, Una Sera A Cena”