Ennio Morricone – La Donna Invisibile

Ennio Morricone – 'La Donna Invisibile (Original Motion Picture Soundtrack)' (2018)

Italia, fine anni Sessanta. Laura (Giovanna Ralli) è la moglie di Andrea (Silvano Tranquilli), un professore oggetto di contestazioni da parte degli studenti. La relazione tra i coniugi è in crisi. La donna si è resa conto che il marito non l’ama più, al punto da vedere attraverso il suo corpo, quasi non esistesse. Profondamente innamorata di lui, le cui attenzioni sembrano tutte rivolte a Delfina (Carla Gravina), un’altra donna che vive in casa con loro, Laura si strugge, cerca di riaccendere in tutti i modi l’interesse in caduta libera del coniuge, confessandogli un tradimento, convinta che sia la causa dello stallo sentimentale, ma anche questo tentativo di riavvicinamento è vano. Durante una battuta di caccia, Andrea, sparando a un fagiano, ucciso con uno dei colpi esplosi, non si rende conto della presenza della moglie, che giace distesa accanto alla preda. Andrea si allontana al braccio di Delfina. Rivolgendosi alla stessa, tuttavia, la chiama Laura.

Descrizione

“La Donna Invisibile” (1969) è il terzo film diretto da Paolo Spinola, già aiuto regista e sceneggiatore per Gianni Franciolini, adattamento di un racconto breve di Alberto Moravia, basato su una crisi coniugale, laddove l’invisibilità della protagonista è da interpretare in chiave fenomenologica. Laura non è più nelle grazie del marito, il suo sguardo la oltrepassa e raggiunge, invece, Delfina. Ciò che non attrae l’attenzione altrui, quindi, non esiste. Da qui un percorso psicologico, calibrato dal regista con morbidezza di toni, cura della recitazione e riferimenti, non solo scenici, alla realtà dell’epoca. La pellicola è, infatti, la sintesi perfetta degli archetipi del cinema erotico sessantottini, con fastosi salotti in cui siedono annoiati borghesi dalla dubbia morale. Un’opera sequestrata dopo soltanto ventiquattro ore di programmazione, di non facile interpretazione, dai diversi livelli di lettura, dal finale tragico e, soprattutto, simbolica.

Musica

La ristampa in vinile a cura di Monte Stella Records un’occasione per riascoltare una delle più romantiche colonne sonore di Ennio Morricone, pervasa da attimi tanto sognanti quanto struggenti. Un concentrato di bellezza esplicitato nei sei appassionati minuti de La Donna Invisibile, brano ripreso e variato più volte, ad esempio, con estrema delicatezza nel corso delle atmosferiche Silenziosamente ed Eros Profondo, dominate dagli archi e dal flicorno, così come in chiave bossa nova in Alla Serenità o tensiva durante Mille Ricordi. Cruciale il contributo vocale di Edda Dell’Orso in Un Bacio, un’ulteriore ripresa degna di nota. La voce del cinema di genere italiano è protagonista anche della sensuale e sospesa In Un Sogno Il Sogno. Da pelle d’oca. Appagante anche il tema per pianoforte Ritratto D’Autore. Ballabile quello de La Moda, gemma della quasi uniforme tracklist de “La Donna Invisibile (Original Motion Picture Soundtrack)” (2018).

Acquista la colonna sonora de “La Donna Invisibile”