Ennio Morricone – Il Mercenario

Ennio Morricone – 'Il Mercenario (Original Motion Picture Soundtrack)' (2017)

Il primo capitolo della ‘trilogia politica’ di Sergio Corbucci. “Il Mercenario” (1968), ispirato dagli eventi della rivoluzione messicana, anticipa alcuni aspetti dei successivi “Vamos A Matar Compañeros” (1970) e “Che C’Entriamo Noi Con La Rivoluzione?” (1973). Il primo, con una trama simile e un Tomas Milian irresistibile, rivelatosi un grande successo al botteghino; il secondo, una bizzarra commedia, con Vittorio Gassman e Paolo Villaggio, rispettivamente un attore di teatro e un prete. “Il Mercenario” non è stata, però, né una pellicola ‘prototipo’ né l’ennesimo western, così diverso da “Il Grande Silenzio” (1968), perché contraddistinto da un buon ritmo, con scene corali di battaglie e una sottile ironia di fondo, complici i siparietti tra due dei protagonisti, un peone, incolto ma convinto della necessità morale della rivoluzione, e un europeo senza scrupoli che, al contrario, ne coglie gli aspetti economici. Il terzo protagonista è un crudele killer assoldato dalle autorità locali, il quarto il Messico, con le sue pulsioni libertarie, con allusioni alla situazione dell’Italia prima di essere travolta dall’onda lunga sessantottesca.

Paco Roman (Tony Musante) è un minatore che si ribella ai padroni. Sergei Kowalski (Franco Nero), detto Polacco, il mercenario che si accorda con gli stessi per trasferire il loro argento al di là della frontiera. Elam (Jack Palance) è, invece, l’uomo ingaggiato per reprimere i focolai di ribelli. Soprannominato Ricciolo, a causa della sua acconciatura, uccide i proprietari della miniera e larga parte dei loro sottoposti, favorendo un primo ‘accordo’ tra il peone e l’europeo in vista dell’arrivo delle truppe del colonnello Alfonso Garcia (Eduardo Fajardo). Sergei lascia il gruppo, ma cade in un’imboscata di Elam: Paco gli salva la vita. I rivoluzionari si spostano di città in città, derubando l’esercito di armi, cavalli e denaro. E, nel momento in cui si accorgono che le loro forze sono scarse, si accordano con Sergei a un prezzo raddoppiato. Vicende alterne allontaneranno il Polacco dal messicano, pronti a ricongiungersi per il duello con Ricciolo, fino a essere salvati dalla moglie del secondo, Columba (Giovanna Ralli), di fronte il plotone d’esecuzione. Mentre Sergei gli tende la mano, Paco sogna un Messico diverso.

Lo score de “Il Mercenario (Original Motion Picture Soundtrack)” (2017), prima ristampa del ciclo dell’etichetta Monte Stella Records, evidenzia alcune consuetudini proprie di Ennio Morricone, espresse già tra le pieghe delle partiture per i film di Sergio Leone. In primis, l’adozione di alcuni temi che contraddistinguano ogni personaggio: la festosa Bamba Vivace (Titoli Di Testa) non è utilizzata solo durante gli scontri tra rivoluzionari ed esercito: gli archi, gli ottoni e il coro de I Cantori Moderni Di Alessandroni connotano anche le gesta del peone. L’intrigante fischio e l’assolo di chitarra elettrica di Estasi evocano, invece, la figura di Sergei; la progressione di organo, chitarra acustica e nacchere di Ricciolo quella dell’antagonista. Le coloriture folk sono ravvisabili in Il Mercenario (Sueno Mejicano) e Canto A Mia Terra, ballate scritte da José Voltolini e cantate in presa diretta, oltre che in Fiesta (Mariachi), marcata dalle trombe, dominanti nel finale de Il Mercenario (L’Arena). Notte Di Nozze, scelta per la storia d’amore di Paco e Columba, infonde delicatezza, il crescendo orchestrale Libertà suggerisce speranza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.