Ennio Morricone – I Cannibali

Ennio Morricone – 'I Cannibali (Original Motion Picture Soundtrack)' (2019)

Le strade di una moderna città sono colme di cadaveri, ma i passanti sembrano indifferenti a cotanto orrore. I corpi sono quelli degli oppositori di un regime totalitario, esposti come monito per scongiurare nuovi tentativi insurrezionali: la rimozione è punita con la morte per ordine supremo. Antigone (Britt Ekland), una ragazza di famiglia borghese, desidera deporre il fratello, caduto nel corso di una sommossa, ma non trova aiuto né da parte dei parenti né da parte del fidanzato, Emone (Tomas Milian), figlio del massimo esponente del potere (Francesco Leonetti). Il solo a offrirle collaborazione è Tiresia (Pierre Clémenti), uno straniero che parla una lingua sconosciuta. I due si dedicano a un’opera di seppellimento dei caduti, finché la loro attività sovversiva non li conduce a essere loro stessi vittime della spietata tirannide. L’esempio dei martiri è, però, seguito da altri giovani che raccolgono i corpi per dare loro degna sepoltura.

Descrizione

Ambizioso, inquietante, tragico. I contrasti e le disfunzioni di uno Stato di polizia a vocazione capitalistica e il rapporto con i suoi ‘sudditi’. Un inno di pace e fratellanza che trova la sublimazione sia nella grande sensibilità del cast che nella sofferta sequenza finale. Realizzato negli anni della contestazione, quelli del rifiuto delle regole e della messa in atto di comportamenti proibiti, “I Cannibali” (1969) è il secondo lungometraggio di Liliana Cavani, girato a Milano e liberamente ispirato alla tragedia “Antigone” (442 a.C.) di Sofocle, un’opera che metteva in guardia il prossimo dai soprusi di un’autorità ingiusta, metafora dei diritti del singolo contro un tiranno. Una pellicola di grande attualità, snobbata dalla critica malgrado la presentazione al Festival di Cannes, poiché la forza di certe immagini è tale da imporre un’attenzione al messaggio di libertà che era nelle intenzioni della regista e degli sceneggiatori Fabrizio Onofri e Italo Moscati.

Musica

Straniante la colonna sonora di Ennio Morricone, pubblicata in doppio vinile da Spikerot Records. “I Cannibali (Original Motion Picture Soundtrack)” (2019) è introdotta dai canti di protesta Song Of Life (Versione Organo) e Cannibal. Voce di Don Powell, testi di Audrey Nohra Stainton. Entrambi sono ripresi e variati più volte: il primo è arricchito dal coro dei I Cantori Moderni Di Alessandroni e dalle note dell’organo per atmosfere sia bucoliche che liturgiche; il secondo da quelle di chitarra e piano elettrico, per un brano finanche ballabile. Mentre il lato drammatico è affidato alla beffarda Senza Possibilità D’Uscita, Dove Sei, Dove Siete Voi e Ricerca Del Fratello introiettano lo zeitgeist beat. Bassi, batterie e chitarre regalano momenti di spensieratezza. Singolare l’utilizzo di più idiofoni durante Scherzo Rondò. Marcia Dei Can Can anticipa, invece, elementi della partitura cult di “Indagine Su Un Cittadino Al Di Sopra Di Ogni Sospetto” (1970).

Acquista la colonna sonora de “I Cannibali”