Ennio Morricone – Controfase

Ennio Morricone – 'Controfase' (2015)

Il successo nel mondo del cinema non è mai stato abbastanza. La ricerca sonora rimane una spinta irrefrenabile. Nel corso di una lunghissima carriera, Ennio Morricone non si è mai accontentato di essere soltanto il nume tutelare della musica per film verde, bianca e rossa. I suoi proficui trascorsi con il Gruppo Di Improvvisazione Nuova Consonanza testimoniano una fervida attività anche in studio, scevra dall’essere necessariamente sovrapposta al solito scorrere di immagini.

Oltre la cinepresa, distante dai bagliori di Cinecittà, il compositore romano si spesso è cimentato con creazioni astratte. Library music di qualità, insieme di esperimenti già portati all’attenzione del grande pubblico per i primi lavori di Elio Petri e Dario Argento, o preludi a un’altra esplorazione in note da compiere, stavolta verso la cosiddetta ‘musica assoluta’, maggiormente praticata a partire dalla fine degli anni Ottanta in poi.

È la discografia ‘altra’ di Ennio Morricone, riservata forse all’ascolto di pochi tra amanti e irriducibili fan, ma straordinaria per le idee trascritte sul pentagramma. Esempio macroscopico è il singolare album “Controfase” (1973), rilasciato sull’etichetta Gemelli. Registrate in un periodo alquanto prolifico per l’artista, presumibilmente tra 1970 e 1972, le sue otto tracce interpolano e ampliano tecniche compositive d’avanguardia, per momenti in bilico tra riflessione e sedute di autentica ipnosi.

Controfase” (2015), mai ristampato in un quarantennio, gode oggi di nuova vita grazie all’iniziativa delle label australiane The Omni Recording CorporationThe Roundtable, attente nel recuperare tesori nascosti nei cassetti di imprese come la Gemelli di Bruno Nicolai, storico direttore d’orchestra e collaboratore di Ennio Morricone. Nata a Roma alla fine degli anni Sessanta, l’etichetta divenne in breve tempo una sorta di ‘casa’ per quelle library o soundtrack rimaste ‘orfane’, ancora non pubblicate.

Nell’ambito di una discografia con oltre cinquecento titoli, “Controfase” costituisce un unicum, libero da certi formalismi per la settima arte, con il maestro chino e impegnato al tavolino della sua camera, e senza alcun metronomo o aiuto melodico, a scolpire note difficili per i suoi fidati esecutori, come gli straordinari percussionisti Egisto Macchi e Vincenzo Restuccia e altri musicisti provenienti dal serbatoio del Gruppo Di Improvvisazione Nuova Consonanza, qui non accreditati.

Le otto composizioni sono libere da schemi ma, occasionalmente, appaiono quasi intrecciate l’una con l’altra. L’album presenta una certa armonia di fondo: è compatto e senza punti deboli. L’apertura del lato A è riservata all’omonima e stridente Controfase: un minuetto elegiaco si distende tra archi a grappoli e dissonanze elettroniche. Segue la cullante Tempo, una specie di ninna nanna alla deriva per infondere vibrazioni positive, dominata dalla relazione triadica fra arpa, clavicembalo e organo.

Soli, invece, appartiene al repertorio del ‘fumoso’ sound riservato ai gialli-thriller dell’epoca, con in evidenza il basso elettrico e i vocalizzi di Edda Dell’Orso, soprano con un’estensione di tre ottave, consacratasi con lo score de “Il Buono, Il Brutto, Il Cattivo” (1966), il capolavoro di Sergio Leone. Un brano tormentato, con strumenti in crescendo durante il canto di una delle ‘sirene’ della musica italiana. Infine, l’avvolgente Come Sommersi, un’elegia per arpa e Roland Space Echo.

Il duetto tra Walter Brachi al VCS3, il primo sintetizzatore analogico ‘portatile’ disponibile in commercio, e un triste violino annuncia l’inizio del lato B. Ferma Opposizione appare obliqua nel suo incedere orchestrale, mentre Follia è l’ennesima messa in pratica delle trovate rivoluzionarie dell’ensemble Gruppo Di Improvvisazione Nuova Consonanza, risolte in un’atmosfera dominata da piccoli gesti e rumori, tra il pianoforte preparato e la tromba suonata dallo stesso Ennio Morricone.

Se Degenerazione segna un ritorno dell’elettronica, con bordate di onde sinistre, la chiusura affidata a Eclissi Seconda assume i tratti di un’improvvisazione ma, in realtà, ogni elemento è al suo posto, matematicamente calcolato. Brevi e rotondi gli assoli per un ultimo saggio di bravura. La stessa di The Omni Recording Corporation e The Roundtable, giunte dai confini del mondo per celebrare un disco dimenticato da molti, finalmente depennato dai ‘most wanted’ di numerosi collezionisti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...