Egisto Macchi – Città Notte

Egisto Macchi – 'Città Notte' (2015)

Un ritratto in chiaroscuro, ma affascinante, sommesso, vibrante. “Città Notte” (2015) di Egisto Macchi, tra i più sottovalutati compositori del secolo scorso, non è solo l’ennesima ristampa per intenditori, ma un raro esempio di equilibrio in note. Da riascoltare e riscoprire sul lungo periodo, così come altri episodi di una discografia talvolta labirintica. L’album, rimasterizzato e impreziosito dalla solita edizione di lusso, è stato riportato alla luce dal prezioso lavoro della label australiane The Omni Recording CorporationThe Roundtable. Il progetto originario, rilasciato per conto della SR Records (1972) oltre quarant’anni fa, giaceva negli archivi della Fondazione Giorgio Cini sull’isola di San Giorgio Maggiore, nel cuore della laguna di Venezia.

L’ex convento custodisce con cura parte dell’eredità sonora del musicista toscano, suddivisa in cartelle contenenti una moltitudine di documenti, spartiti e altri materiali, da cui emerge con forza la precisione con cui l’artista prendeva appunti, riproducendo a mano schemi raffiguranti gesti e transizioni non convenzionali. Per non lasciare mai nulla al caso. Ogni tema era sviluppato con calma, forgiato per essere contestualizzato in un’opera dal respiro maggiore. Ogni traccia dotata di un’architettura forbita e, soprattutto, solida. Tra i membri del Gruppo Di Improvvisazione Nuova Consonanza, Egisto Macchi è stato il più prolifico in termini di library music.

“Città Notte” uno dei vari esempi. Nonostante l’esser stato registrato per un’ordinaria attività di studio, e destinato a un pubblico ristretto, offre vari spunti di riflessione per il suo carattere spettrale e per le ben calibrate commistioni fra elementi acustici ed elettronici, laddove il folk non esita a tendere la mano al drone. Il probabile contributo dell’amico Ennio Morricone alla tromba, non accreditato sul retro nelle linee di copertine, la chitarra, il sintetizzatore VCS3 alcuni degli strumenti utilizzati in fase di composizione. Il risultato finale, apprezzato persino alla fine del mondo, è un lavoro tanto faticoso quanto meticoloso, senza ripensamenti tramandati su carta.

L’apertura del lato A è affidata alla title-track, suddivisa in due parti astratte e tormentate. La prima, di matrice classica, si fonde e si confonde attraverso uno strato di nebbia in cui fanno capolino a tratti le percussioni e il pianoforte preparato. La seconda, più sbilenca, appare più in linea con gli esperimenti del Gruppo Di Improvvisazione Nuova Consonanza. Il terzo brano, A Sera, è invece il più melodico dell’intera opera. Un raffinato gioco a due tra chitarra e organo per attimi di beatitudine.

Nonostante i ronzii in sottofondo, la successiva Bidonvilles mette in mostra un piglio ambizioso, ponendosi come dolce crescendo cacofonico sovrastante i tetti in lamiera di una località affollata, inquinata e povera. Il lato B riparte con il rinnovato vigore di Terza Età, musica per nottambuli incalliti quando l’alba è sospesa tra archi, chitarra ed elettronica. Segue Lampare, con gli assoli di tromba di Ennio Morricone e altre note di violoncello. Infine, Orsa Maggiore, quando la luce del Sole ormai sovrasta il fioco bagliore delle ultime stelle. “Città Notte” necessita di grande attenzione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.