Egisto Macchi – Africa Minima

Egisto Macchi – 'Africa Minima' (2015)

Il fascino del Continente Nero. Terre incontaminate, aborigeni danzanti. Egisto Macchi non è stato l’unico compositore italiano degli anni Settanta attratto da sonorità esotiche al punto da replicarle in studio e, apparentemente, non per motivi commerciali. Altri due artisti si sono cimentati in operazioni simili: Francesco De Masi, non solo autore di fortunate colonne sonore quale “The New York Ripper” (1982), con “Alla Scoperta Dell’Africa” (1966), prodotto per sonorizzare una trasmissione di Folco Quilici e l’instancabile Piero Umiliani con “Continente Nero” (1975).

L’approccio del geniale artista fiorentino è, però, diverso rispetto quello di Egisto Macchi, tra i membri del Gruppo Di Improvvisazione Nuova Consonanza, perché ricorre a una moltitudine di strumenti, mentre il grossetano predilige uno più mirato, conciso, eleggendo le vibranti percussioni come una delle due forza motrice di “Africa Minima” (1972 ; Sonor Music Editions, 2015), pubblicato in via promozionale dalla Ayna, e contrapponendole alle note emesse del pianoforte. Un modus operandi ascoltabile anche all’interno di pregiate librerie musicali quali “Bioritmi” (1971) e “Città Notte” (1972).

Il lato A è segnato dalle accattivanti tensioni di Jungla I e Jungla II. Gli archi l’aggiunta ad Avvoltoio. Misterioso l’incedere I Tamburi Della Tribù, inquietanti i rintocchi di Gli Animaletti Della Foresta ma, soprattutto, d’impatto Gli Elefanti, con coda stridula. Il lato B segue il medesimo orientamento compositivo con Caccia Grossa e Gli Esploratori, mentre la brevissima Le Scimmie è più melodica. La Luna E Il Fiume è, invece, il punto più alto della suspense nera ordita da Egisto Macchi. La Casa Dei Bianchi una piccola pausa per riprendere fiato prima della conclusiva Gli Ippopotami.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...