Efdemin – Chicago

Efdemin – 'Chicago' (2010)

Un progetto più austero e compatto del precedente, dedicato alla Windy City, i cui colori dominanti sono il nero e il grigio. All’interno di “Chicago” (2010), una release Dial, è possibile ascoltare persino frammenti vocali e distinguere alcuni field recording, disseminati in egual misura tra tracce tanto lunghe quanto avvolgenti, permeate da una celata psichedelia. Efdemin, all’anagrafe Phillip Sollmann, ha così ‘confezionato’ il suo secondo album con grande cura, preferendo un approccio composito che ha incorporato anche sia elementi minimalisti che jazz. La batteria, la cetra, il flauto e l’organo emergono poco alla volta dalle trame sonore. L’arco narrativo più ampio coincide, inoltre, con una predilezione per soluzioni melodiche da sincronizzare al crepuscolo.

Acquista “Chicago”