Bruno Nicolai – Défense De Savoir

Bruno Nicolai – 'Défense De Savoir (Bande Originale)' (2019)

Vigilia elettorale in Francia. La morte di Jean Ravier (Charles Denner), un addetto alla campagna di Paul Cristiani (Michel Bouquet), colloca sul banco degli indiziati la moglie Simone (Bernadette Lafont), ma l’avvocato d’ufficio Jean-Pierre Laubré (Jean-Louis Trintignant) è convinto della sua innocenza. Il legale scopre, poco alla volta, una torbida verità. Durante una rissa tra attacchini, l’esaltato Bruno Cristiani (Carlo De Mejo) aveva ucciso un uomo: Jean Ravier aveva minacciato di denunciarlo e, aggredito dal giovane, lo ha freddato con un proiettile. Dopodiché, era stato colpito accidentalmente da una bambina da lui sequestrata per coprire la fuga. Il cadavere di Bruno Cristiani è stato, invece, bruciato per simulare un incidente ed evitare scandali. Paul Cristiani offre ai media la sua versione dei fatti, mentre Jean-Pierre Laubré può consolarsi con l’amore di Juliette (Juliet Berto) che, all’inizio, aveva osteggiato la sua caparbia ricerca della verità.

“Défense De Savoir” (1973), o “L’Uomo In Basso A Destra Nella Fotografia”, è un dramma, a metà strada tra il politico e l’umano, a cura di Nadine Trintignant, già montatrice per Jean-Luc Godard e Jacques Rivette e allora moglie del celebre attore francese, che denuncia la fitta rete di connivenze tra polizia e giustizia, oltre alla ‘consueta’ omertà degli ambienti della politica. Una riflessione amara sulle nefandezze di un’infuocata campagna elettorale la cui trama ‘a mosaico’, composta da differenti tessere, assume connotati finanche da giallo, complici alcuni flashback e altri dialoghi chiarificatori tra i personaggi, una matassa che si dipana da sola. Tra i molteplici riferimenti alla realtà di tutti i giorni, seppur a distanza di oltre quarant’anni, emerge la figura di quel viscido e corrotto esponente politico pronto a tutto che, al netto delle proprie vicende personali, è in grado di veicolare al massimo il suo pensiero, riscuotendo nuovi applausi e consensi.

La colonna sonora di Bruno Nicolai incorpora elementi sonori tipici del giallo e del noir, perfetti per caratterizzare un plot intricato, denso di mistero e di terrore. L’edizione vinile della Transversales Disques recupera alcuni brani ‘classici’ dalla prima stampa C.A.M. dello score e altri proposti per la prima volta su cd dalla Digitmovies una decina di anni fa. La ‘nuova’ tracklist di “Défense De Savoir (Bande Originale)” (2019) è introdotta, infatti, dal rimarchevole motivo ritmico di Sans Espoir, a cui seguono un altro straordinario tema, declinato in chiave pop, quale Une Vie Brève e l’incalzante L’Accusée per elevare il livello d’ansia. E, oltre le tipiche dissonanze per archi di Rétrospective e Incompris, lo struggente Thème De Juliette per clavicembalo e mandolino, parzialmente recuperato nel corso della più rapida La Vérité. L’atmosfera drammatica di Le Pouvoir e Tourbillon Finale sottolinea, infine, il marcio di una vicenda, paradossalmente, irrisolta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.