Braen, Raskovich – Abnormal Sensations

Braen, Raskovich – 'Abnormal Sensations' (2014)

All’alba degli anni Settanta, un polistrumentista dall’inconfondibile fischio, reduce dalla grande stagione del western all’italiana, e un giovane compositore dalle idee innovative, destinato a scrivere importanti pagine in ambito sincronizzazioni, decidono di scegliere due bizzarri soprannomi per poter diffondere le loro visioni in note, rispettivamente Braen e Raskovich. La collaborazione tra Alessandro Alessandroni e Giuliano Sorgini, sublimata da album quali “Drammatico” (?) e “Quarta Pagina (Poliziesco)” (1971), è proseguita con “Inchiesta Giudiziaria” (1971), pubblicata in origine dalla Octopus Records, e ristampata come “Abnormal Sensations” (2014) su iniziativa della Cacophonic, mutuando il nuovo titolo dalla traduzione in inglese di Sensazioni Abnormi, brano incluso in una delle library da tempo tra i most wanted dei collezionisti.

L’etichetta britannica ne ripropone il contenuto, probabile commento di servizi televisivi in ambito poliziesco, rimontato con una tracklist differente, con la traccia sopracitata tagliata in due e collocata al vertice di ciascuna facciata. Chitarra e flauto punteggiano invece la tensiva Cattura, il cui mood è dilatato in Perquisizione con l’ausilio degli archi. I vocalizzi di Giulia De Mutiis smorzano l’atmosfera misteriosa di Bisca. Anche Indagine Notturna è fondata su un arpeggio di chitarra classica ripetuto a oltranza, sovraimposto alle distorsioni emesse da quella elettrica, con un sottofondo di percussioni ritmiche, al centro anche di Rastrellamento. Il livello di ansia cresce con l’organo sghembo di Braccio Della Morte e il pianoforte nel vuoto di Premeditazione. Un successivo contributo vocale di Kema distoglie nuovamente l’attenzione dell’ascoltatore nel corso de La Mala.