Assalti Industriali – Assalto Primo

Assalti Industriali – 'Assalto Primo' (2014)

Edizione in doppio vinile. Quaranta e più minuti di musica. Poster promozionale. Ciò significa ragionare davvero in grande. “Assalto Primo” (2014), la seconda joint venture tra Love Blast e Instruments Of Discipline, è lussuosa. In comune con la prima, “LL//MMM” (2014), un musicista, o meglio, una garanzia: Luciano Lamanna.

Figura iconica della scena capitolina, il produttore è tra i pochi a non subire cali di prestazioni sonore da una release all’altra. Al di là delle etichette, della tecnica e degli anni che passano senza scalfirlo, la sua bravura giace nel sapere coinvolgere gli artisti giusti all’interno dei progetti che meglio possono valorizzarli.

Damiano Colosimo e Damiano Capoccia dei Teknical Punch sono fra questi. Da qui Assalti Industriali, un trio che, in sei tracce, fa della techno nuda e cruda il proprio biglietto da visita, ‘anticipato’ da un punto di vista dei titoli da Assalto Industriale, solido lato A del 12”, “Assalto Industriale b/w Opera Nove” (2014) su Blackwater Label.

Un revival sonico per celebrare quegli edifici dismessi, abbandonati come cattedrali nel deserto, che hanno, letteralmente, formato, o stroncato, almeno una generazione. Gli anni ’90 sono trascorsi da un pezzo, ma c’è voglia di non lasciarsi trasportare troppo da romantiche nostalgie per ciò che hanno rappresentato.

L’apertura, Assalto 1, delinea subito e in modo chiaro che la rave scene non è ridotta a cenere, ma tanto viva quanto furiosa nel suo incedere. Assalto 2, infatti, non si discosta dal ruvido canovaccio. Assalto 3, invece, sposta verso l’alto l’asticella della creatività, aggiungendo inserti distorsivi, per un’atmosfera decisamente mentale.

Di durata più breve, ma incisiva, Assalto 4: una progressione acida. Con Assalto 5, poi, cala un alone di mistero, senza mai rinunciare al battito, costante, sfumato solo nel finale. La potenza della conclusiva Assalto 6 è tenuta sotto controllo, senza soffocarne l’intima pulsione. Con una sirena che non smetterà mai di suonare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...