Amir Alexander – Gutter Flex EP

Amir Alexander ‎– 'Gutter Flex EP' (2012)

Il debutto è, di sicuro, fra quelli più promettenti di sempre. Il primo 12” pubblicato dalla statunitense Argot, capeggiata da Steve Mizek, è un’autentico campionario delle migliori sonorità già proposte nel recente passato da Amir Alexander su altre etichette. La sua estetica, influenzata dalla doppia appartenenza alle scene di Chicago e Detroit, è ricca e risuona altrettanto forte e chiara sin dalle prime note della melodica title-track, per un cavalcata house intrisa di un mood che rimanda alla Motor City. Psichedelica, invece, la resa sonora della successiva The Black Rain. Decisamente più effervescente Dark Dirt. La conclusione è, invece, affidata a Mystical Eroticism, dagli accordi più introversi. Un perfetto contraltare ritmico. “Gutter Flex EP” (2012) è, forse, l’inizio di una bella avventura discografica. Da monitorare con attenzione nel tempo.