Alek Stark – Blueshifted People

Alek Stark – 'Blueshifted People' (2017)

Il fascino della Motor City non conosce confini. Le forme di espressione dell’electro made in Detroit sono state molteplici e hanno trovato terreno fertile in Europa. Un autentico approccio old school ha reso, ad esempio, Alek Stark uno dei migliori interpreti di quello stile caro a James Stinson e Gerald Donald. L’eredità Drexciya è in buone mani: il produttore di stanza a Madrid, già impegnato con le particolari release della sua Fundamental Records, è stato in grado di riadattare una pluralità di dettagli e sfumature con una notevole padronanza e visionarietà. L’austero, distopico ed ellittico “Blueshifted People” (2017), pubblicato dalla Central Processing Unit, è soltanto l’ultimo contenitore di una certa creatività propria dello spagnolo, tra codici alfanumerici e contorsioni robotiche. Cinque tracce per provare a immaginare un altro futuro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.